Anna Giunchi Blog Personale

domenica 31 luglio 2011

Le Brutte Sensazioni del Fuori Forma...


Bologna d'estate!!
E si prosegue verso l'estate...Che vuol dire mare, spiaggia, amici, relax. Eppure, malgrado le temperature, noi che corriamo non rinunciamo ad allenarci, seppur le condizioni climatiche non ci consentano assolutamente un buon rendimento. Beh, parlo per me... Continuo ad allenarmi, anche due volte al giorno, ma sono ad un livello di forma pari a zero. Assolutamente poco reattiva, svogliata e pesante. Dovrei anche impegnare la testa e lavorare per la tesi ma l'energia non c'è. Io, adesso, ho solo voglia di ascoltare musica e di uscire a divertirmi. Sto riscoprendo Bologna, con le sue meraviglie, lavoro a dei progetti molto interessanti che soddisfano il mio desiderio di "buttarmi nella mischia"...


Che bello UBRIACARSI al ROXI BAR...
Tornando alla corsa...svolgevo tre lavori a settimana, dal momento che avevo rinunciato alle gare per 30 giorni (stop mentale), consistenti in variazioni, 20x200, 12x400, 6x1000, sprint in salita o lavori di forza in palestra.
Oggi ho deciso bene di riprendere a gareggiare con il giro del Monte Carpegna...da 1000 a 1400 metri. Ricordo che nel 2007 la chiusi in 1h17, arrivando quarta...quest'anno son peggiorata di ben 4 minuti, decima o nona la posizione: verso la vetta, molto cara al Pirata, non riuscivo correre per oltre 100 metri, che proseguivo camminando, in acidosi. Direi che ci siamo! Gambe pesanti, lente, poco reattive. Forse, se in questo periodo andassi a zappare renderei meglio, ma dopotutto...valgo così, e dunque mi tengo quel che merito. La gara è comunque meravigliosa e vale sempre la pena correrla, se non altro per le verdi e ampie vallate che si aprono lungo la Marecchiese. Le Marche sono una regione stupenda.
Venerdì prossimo partirò per correre la CorriBianco, che si svolge proprio a Bianco, in provincia di Reggio Calabria; mi farò rider dietro, dato il livello dei partecipanti, ma almeno vedrò una terra a me sconosciuta, che pare bellissima.
L'aria di Cervia-Milano-Marittima, comunque, mi sta facendo troppo bene e or come ora c'è una cosa per me impagabile: DORMIRE in spiaggia....Ciao a tutti!!!

martedì 19 luglio 2011

Estate...Ayeeee!

Un breve ritorno a Roma, per faccende politiche, in una settimana condita da caldo e stanchezza, ma per il resto...vita da spiaggia. Sono tornata a casa da fine giugno e ho lasciato in stand bye qualunque cosa possa richiedermi "impegno mentale". La mia giornata tipo qui a Cervia-Milano-Marittima è data dall'allenamento mattiniero in pineta, la palestra, il primo pomeriggio in spiaggia e il secondo allenamento, molto più tranquillo e "socializzante", dato da corsetta leggera e palestra. La mia famiglia, i miei amici, i "miei" posti mi sono mancati tantissimo, al punto che attualmente, non appena mi metto davanti al Pc per proseguire la tesi, gli occhi guardano già fuori, verso il sole della riviera. Ho ritrovato il piacere delle uscite serali, dell'ascolto delle onde del mare, della politica, della musica... tutti elementi che avevo un pò trascurato, soprattutto a causa degli impegni universitari e della vita in una città un pò più caotica, che lascia un pò meno spazio. Sto svolgendo allenamenti non troppo impegnativi: 12x400, 6x1000, fartlek, progressivi...nell'attesa di rimettermi in carreggiata, con la diminuzione delle temperature.
Sto bene, insomma...L'estate è già qua...


Ciao a tutti dalla Senatriceeeee!

domenica 3 luglio 2011

In the name of...

Rientrata in terra romagnola, ma subito pronta per ripartire per Roma, dove c'è ancora tanto da fare, e dove ho lasciato la moto.


Rimini-Verrucchio 2011


A presto, revisori dei conti...


Ho traslocato giorni fa, in una giornata calda e parecchio "carica" di vissuti e magoni...
Sono riapprodata a Milano Marittima, accolta da un clima più mite e variabile, circondata dalla mia pineta, in dimora nella mia casa. La casa, intesa come espressione di libertà individuale, mi è mancata: 6 anni di chiusura in svariate stanze di palazzine romane, per uno spirito libero come me, sono stati pressochè innaturali, e li ho vissuti, spesso, come una necessaria e inevitabile forzatura. Casa, dunque, patria. Ho ritrovato gli amici decennali, e mi sono ritrovata cambiata: non sono in grado di dire se in meglio o in peggio. Cambiata, e basta.
Allenamenti attuali...pressochè inesistenti. Li inizio e, dopo poco, li mollo. La scomparsa prematura e improvvisa del mio allenatore Luciano mi ha provocato delle ferite profonde, e penso che per me sarà ancora molto dura riprendere ad allenarmi senza il pensiero di vederlo o sentire la sua voce incitarmi, ad ogni km. Sono molto riservata nei vissuti che portano dolore personale. Di fronte al dolore mi chiudo e non parlo: non ne ho la forza, non lo condivido neppure con gli altri. Per me, che ho sempre visto e inteso l'atletica come primo tetto familiare romano, una perdita così importante lascerà segni importanti, che diverranno cicatrici. E, paradossalmente, i risultati agonistici, migliori sono, più danno dolore. Ieri, sabato sera, ho conquistato il 3 posto alla Rimini-Verrucchio, gara in salita di 21 km 400 molto sentita nella regione, una gara molto impegnativa, evento della Notte Rosa riminese. Un risultato inaspettato, 1h 34, un miglioramento personale di 10 minuti dall'ultima edizione da me corsa. Eppure, se non avessi trovato mia mamma all'arrivo, a strapparmi un sorriso, per me sarebbe stato un motivo di sofferenza in più il non poter condividere con chi mi ha portato ai miglioramenti che sto raggiungendo giorno per giorno, attimo per attimo. Il sapere che, al digitare il suo numero dopo le gare per raccontargli quel che ho fatto, bello o brutto che sia, lui non possa più rispondermi, è una sofferenza grande, che stordisce. Il sapere che non potrà sapere dei miei stati d'animo, delle mie sensazioni, delle mie futili gioie per dei mille venuti veloci, mi fa chiedere spesso: "Ma per chi corro, allora?". Non trovo gioia nel festeggiare un bel risultato sola con me stessa...Tutto quel che sono, in buona parte, è per merito di altri, che mi hanno costruito.
So che non avrò il coraggio di fermarmi. So che anche il dolore, in fondo, è un nemico da sconfiggere...

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta