Anna Giunchi Blog Personale

venerdì 30 settembre 2011

SARDEGNAAAAAAAA!!!

Dopo mesi e mesi...il ritorno in terra sarda, che bello!!!
Settimana trascorsa fra corse lente di recupero di un'ora, passeggiate a Bologna e "ingressi" nell'ottica lavorativa. Il clima è ottimo e questi piacevoli caldi continuano a deliziarci i pomeriggi...Sto bene.
Domani, dunque, si vola per Cagliari; scalo ad Olbia da Bologna e arrivo nella città alle 12:50. Ho dei gradevoli ricordi della Sardegna del Sud...sono passati parecchi mesi dalla Granfondo del Sulcis, ma i ricordi sono ancora accesi, e molto vivi. Rivedere quella gente splendida, quei posti, quella città...Non ci posso credere, che bello...Un grazie all'organizzazione per avermi invitato, son lusingata; cercherò di farmi onore, per quanto posso...Davide, ci sei????
Un buon week end a tutti....la "Egnaaaaaa" mi aspetta!!!

domenica 25 settembre 2011

Sò e Zò per i Colli!!!

2008...Tre anni fa. Ricordo bene, questa gara (qualche black out sul percorso, ma Margherita me lo ha rinfrescato ben bene, ieri, mentre macinavamo km a piedi per tutta Bologna)...discesone iniziale, mangiaebevi...salitissima fino all'Eremo...discesa, mangia e bevi...
La vinsi nel 2008, e ricordo bene le sensazioni: stavo benissimo. Si partì che era freddo, ma freddo tosto (si parte a circa 200 mt di altezza, parco Cavaioni, si arriva intorno a 700 mt), condizioni buone per correre, ricordo.

Podio
Oggi, almeno nel riscaldamento, non ero proprio al massimo. Serata perfetta in pasta party, con marmellata buonissima per dolce. La notte avevo dormito nel divano letto di Margherita, in compagnia del Gatto Dolcissimo Gastone e, quando alle 6:30 ha suonato la sveglia, tutto avrei fatto meno che alzarmi... Colazione ideale con pane e miele, partenza ore 8:45, preceduta da 2 km circa di riscaldamento. Malgrado il mio solito negativismo è andata bene, seppur me la ricordassi più facile. Molto caldo, molta fatica sull'eremo, fatica elevata negli ultimi km (e non adeguata integrazione, aggiungerei).
Periodo buono...nella scorsa settimana di scarico, a Roma, ho capito di esser proprio in un periodo di forma: gli allenamenti estivi sotto l'umida pineta di Cervia stanno dando ora i loro frutti e, cosa non da poco, ho anche regolarizzato l'alimentazione.


PESAAAA!
Vinco con 1h40.17, e non posso chiedere di meglio... Ricchi premi, tra Prosciutto di 8 kg (VENDUTO A GIANCARLO ALL'ISTANTE), una bellissima incisione di un artista bolognese, con tanto di certificato di autenticità, un tailleur di Ascot Mascagni (mi serviva proprio l'abito per la discussione di laurea). Peccato solo abbiano ufficializzato questa 30esima edizione come ultima, causa spese eccessive. Mah... spero sempre che Cuoghi, il giudice di gara, resusciti questa bellissima gara. Sennò toccherà far qualcosa a noi...
Bellissima atmosfera, con gli amici del PonteLungo, Margherita (sempre più forte, cui faccio complimentissimi), le due simpaticissime Patrizia e Antonella, della Granarolo Bologna, Giuliano Nervo e moglie, Lucy e Gianluca....tutti sempre gentilissimi e carinissimi. Un grazie particolare a Giancarlo, per le foto e il sostegno. Crediamoci, sempre fino in fondo. Grazie, Bologna...per i paesaggi di oggi, e per il megaGelato!!!

I Giardini di Margherita....

E' proprio vero...appaio diversa da come sono, perlomeno se le persone mi conoscono solo via web. Certi miei post  possono apparire autocelebrativi. E' vero. Scrivo senza rendermi conto che c'è gente che legge, e che questo blog non è un diario personale, ma qualcosa di pubblico. Ma esistono persone che, senza dar credo ai pregiudizi, decidono di provare a conoscermi, per screditare-confermare le opinioni che si eran precedentemente fatte su di me. Il mondo del web è molto pericoloso: si può apparire megalomani, forse per nascondere le proprie insicurezze. Io, di insicurezze, ne ho molte. Ne ho parlato a Margherita; ho parlato di me, finalmente, perchè sia io che lei sentivamo che sarebbe nata una bellissima amicizia. Io non sono solo la persona che corre la domenica, sorride e scherza con tutti; sono alle prese con scelte difficili e manifesto la mia fragilità; ho affetti e legami alla distanza di 400 km gli uni dagli altri, e non riesco a staccarmi da questi, perchè ad ognuno devo qualcosa di speciale.
Vengo da una full immersion tesistica di 5 giorni, tra La Sapienza e il Foro Italico.

 Vè che paradiso...

Vivevo questo periodo con uno stress dettato dai tempi di consegna della tesi; eppure, grazie all'aiuto del mio Prof, siam riusciti a finire tutto...Consegnata la copia per la segreteria. Dunque, 7 ottobre, ore 10, avverrà la discussione. Non mi sono sentita più leggera, ben altro...sono partita per Forlì con il magone, con il pensiero che, a breve, avrei lasciato Roma. Ma anche con il timore di buttar via 12 anni universitari...e perchè? Ho capito cosa mi piace fare: ricerca. Ho preso parte ad uno studio sulla variabilità della frequenza cardiaca nei ciclisti agonisti, già ne parlai nel blog. Finir di scrivere la tesi mi ha lasciato l'amaro in bocca, perchè ci sarebbe tanto da fare, ancora, tanto da studiare....e, del resto, abbiamo (HA, il Prof) concluso la tesi, ma senza riuscire a dare una risposta allo studio presentato, per esiguità del tempo e del campione. Mi piace studiare e, libera dal vincolo tesistico, mi sto leggendo articoli in quantità, per pura sete di sapere. E poi, non ultimo...Roma. Come potrei fare senza Roma, senza la mia Università e, soprattutto, senza la Fisiologia? Allo stesso tempo, però, sto scoprendo Bologna e sto vivendo una città molto stimolante e viva; amo la politica, sto frequentando il mondo podistico locale, fatto di persone splendide... E dunque sono ancora dubbiosa e ipotizzo, per il mio futuro, un metà e metà. E, del resto, la mia moto è ancora a Roma...


Una splendida amicizia...malgrado FURTI di lenti a contatto...

Parlando con Maggie, che mi ha gentilmente ospitato a casa sua in occasione della Maratonina dei Colli Bolognesi, ho fatto luce su molte cose. Mai abbandonare un sogno per timore che non si realizzi...credere, credere fino in fondo in quello che si fa. Prima o poi, se si desidera fortemente qualcosa, lo si ottiene. Ero io che, nel 2005, avevo 5.3 di emoglobina; ho rischiato molto, ma ora come ora corro tutte le domeniche, sto bene. Anche correre è stata una cosa desiderata e ottenuta. Grazie, Maggie...anche per questo.

giovedì 22 settembre 2011

Roma-Bologna-Bologna-Roma...

Ultime battute di tesi, sofferte fino in fondo...con un continuo via vai Roma-Bologna, Bologna-Roma...
Vorrei tanto riposarmi, perchè corro sempre come una matta, ma non c'è tempo...


Partenza della mitica Torrita Ten (Si)

Dopo la domenica Porrettana, un rientro romano in full immersion per la tesi, tra La Sapienza, con il mitico prof Fattorini, e l'Università del Foro Italico, con il mio fedele prof Felici. A Roma l'autunno sembra tardare...le giornate sono belle e soleggiate, e vien voglia di uscire...Allenamenti di scarico, con un lavoretto di 20x100 in pista e circuito di addominali, piegamenti, dorsali, oltre che un leggero fartlek nella giornata di giovedì. E' una città meravigliosa, e ogni volta mi dà emozioni uniche: 6 anni non si dimenticano.
Il week-end bolognese sarà dedicato alla 22 km dei Colli Bolognesi, in compagnia di Margherita...mi divertirò da matti, insomma, e lascerò da parte pensieri in corsa pre-discussione di laurea. A proposito...sarà venerdì 7 ottobre...

Carichiiiii!!!

domenica 18 settembre 2011

E venne la tanto temuta Porretta-Corno alle Scale!!!

Su questa gara avrei tante cose da dire...e un bel pò di scuse da fare agli amici...
Essì, perchè è da due mesi che rompo le balle a TUTTI i bolognesi familiari all'Appennino con domande inerenti il percorso, l'altimetria, gli strappi...
 Le domande: "E' molto dura?", "Ma è vero che ci sono molti pezzi che si fanno in prima?". E via dicendo...


Podio femminile....dal caldo al fredddddo!!!

L'organizzatore, Claudio Bernagozzi, un mese fa, alla gara a Lizzano, che per me fu massacrante, mi avvisò: "Da Lizzano (tappa intermedia di 15,5 km) diventa una selezione...e gli ultimi 3 km sono pazzeschi".
Mi sono ricordata per molto tempo queste parole, parole che si sono amplificate nei giorni precedenti la gara, parole che rimbombavano nei miei timpani pure alla notte. Eppure, sapevo che ce l'avrei comunque fatta, lo sapevo perchè mi conosco; al massimo avrei camminato sul finale....
Sapevo che dovevo trovare un pretesto per fare il lungo prima di Cagliari, sapevo e volevo...
E così, domenica mattina, eccomi ai nastri di partenza. Venivo da un week end molto bello, ma anche lavorativo: due giorni a Bologna ad allestire, insieme ad i miei amici-colleghi, il palco per la festa del partito, sistemare sedie, tavoli, pulire la piazza dell'Unità di Bologna, sede dell'evento...il tutto condito da un bel sole umido e da un'attività intensa generale, fino a tarda sera. Il palco, in particolare, costituito da 9 blocchi di 75 kg l'uno, ha risvegliato i miei muscoli dell'avambraccio, oltrechè bicipiti e quadrati dei lombi. E ha risvegliato pure le falangi del piede di qualcheduno...


Il lagoooo!!C'Entro???

Ma tutte queste fatiche, peraltro molto piacevoli, sono andate a buon fine...
Motivo per il quale, domenica mattina, con alle spalle la festa finita e la soddisfazione nel vedere riconosciuto l'impegno dei miei colleghi, avevo la testa proiettata verso questo "lungo". Testa solo verso la gara.
Accompagnatore, nonchè rifornitore ufficiale, il mio general manager Ercolessi, che mi ha pure dato dimora per questi tre giorni emiliani... Al 20esimo km, al 25esimo e negli ultimi tratti, mi ha incitato e fornito l'integratore di maltodestrine. Da qui ho capito ancora una volta l'importanza del mantenimento delle scorte di glicogeno. Saran stati i cannelloni, le piade, i gelati delle sere prima, ma, finalmente, mi sentivo proprio bene, con SANE scorte energetiche addosso.


Tornanti...


Allo start, situato a Porretta Terme (300 mt slm) imposto la gara sottosoglia, al punto che, in prossimità della prima tappa a Lizzano in Belvedere, 15,5 km (600 mt), nella quale "perderemo" circa 200 partecipanti (altri 200 circa, invece, completeranno la gara), sento di avere ancora tanta potenziale energia. Intorno al 20esimo km l'aria inizia un pò a cambiare, le pendenze si fanno più ripide, i tornanti non scherzano e creano vortici...Siamo a Rio, e si sale ancora...si dovrà arrivare a 1460 metri, a ridosso del Corno alle Scale. Non c'è più sole, ma tira vento. La gamba va, sto bene...parto terza e al 20esimo recupero una posizione...27esimo km...siamo a 1100 metri. Brutto presagio: vuol dire che ci aspetta un dislivello di 300 metri in poco più di 3 km. Dal 28esimo in poi si soffre di brutto e molti iniziano a camminare...siamo a Madonna dell'Acero; il punto critico è a pochi metri: una rampa assurda. Giancarlo mi aspetta proprio lì, per incitarmi. Inizio ad innervosirmi dalla fatica; arriva il 30esimo, continuo a correre...Camminare MAI. Discesa, arrivo, è là...
Rimango senza fiato per qualche secondo, e poi realizzo: sono arrivata lassù, ce l'ho fatta!!! Seconda assoluta, dietro la mitica Zanardi!!!!
Alla luce di questo ennesimo week end meraviglioso....le dovute considerazioni....


YUPPIIII! E' festa!


Certo, importante un corretto stile alimentare, un regime di vita sano, la passione, l'impegno, una corretta periodizzazione dell'allenamento... Ma in questi giorni sto attribuendo sempre più valore alla vita sociale che è alle spalle di ognuno di noi: la gente giusta, gli stimoli giusti; persone che ti apprezzano e che ti vogliono bene.
Ecco, sono felice, e non cambierei quel che ho con nessuno. Lo ripeto spesso, fino alla monotonìa: amo la vita e mi ritengo veramente fortunata, per tutto. C'è tanta gente che mi vuole bene (e io a lei) che mi fa sentire in una "botte di ferro": non sarò mai sola. Essa mi conosce e non dubiterebbe mai di me, qualora ce ne fosse il rischio.
Ripenso con nostalgia ad ogni giornata che vivo, al momento della sua conclusione, perchè ogni giorno ricevo qualcosa. Ma il bello è che, quella dopo, è sempre migliore, così non sono mai pessimista...
Ciao a tutti, domani è lunedì, e io riparto per Roma!

domenica 11 settembre 2011

Toscanaaaaaaaaaaaaa!!!

Ragazzi miei...ma qua mi sta andando tutto a mille!
Un week end più bello dell'altro, ogni volta una novità, un tuffo nelle meraviglie della vita, con tanti entusiasmi nella vita sociale...


Guardate, son finita quassù (e avevo pure lasciato lì gli occhiali)!!!

Week end a Chianciano, dunque, per meeting politico (in questo blog non farò propagande politiche, prometto!) e con mio primo discorso in pubblico; occasione buona per inserire una gara domenicale in zona senese. Posti noti a tutti...scrittori, attori, poeti, semplici turisti. Chi non è rimasto innamorato delle colline della val d'Orcia, di cittadine storiche come Montepulciano??? Incantevoli... Per di più il nostro sole ha scaldato con vigore queste giornate, in una cornice di un settembre estivo.
Venerdì sera in zona Chianciano, dunque, con Tommaso, Giancarlo, Elena e megacena con tutto il gruppo UDC dell'Emilia-Romagna...


Che ridere...

Compagnia super, con la quale avrei poi condiviso la giornata di sabato, per me fonte di tensioni pre-comizio. Venivo da due giorni di stanchezza piena, causa viaggio Forlì-Roma, cambiamenti climatici e chissà cosa... Sabato mattina mi butto in un'ora di corsa esplorativa di Chianciano...molte salite e gambe poco reattive; normale, essendo a 460 di altezza: mi stavo adattando. Sabato sera, causa scarico di tensione post comizio, crollo in stanchezza dopo una pizza e un gelato enorme a 5 gusti.
Domenica mattina la gara in programma sarebbe stata la Torrita Ten, prima edizione della 10 km nella storica cittadina, deliziosa, carica di salite e discese, con tratti in sterrato. Ottima organizzazione, e molta serietà. Grandissima domenica, a prescindere dal risultato, in quanto, dopo troppo tempo, ho ritrovato amici veri, storici e "terapeutici" come Ettore e Giancarla. E' stata eramente un piacere enorme, malgrado poi abbia messo loro una fretta vergognosa per rientrare a Chianciano per motivi "politici". Con loro ho recuperato una fetta della mia vita laziale, ricordandomi di esperienze bellissime nelle quali confidavo ai miei due amici i miei dubbi, incertezze sul futuro, ricevendo tanta comprensione. Tante cose son cambiate in me, tante cose son cambiate in loro. Giancarla, ad esempio, è già al suo terzo libro!!!


Ho vinto anche un soggiorno in agriturismo a Torrita...chi viene con me?

Peccato...ma peccato sul serio queste domeniche durino troppo poco...
Grazie ad Ettore, che mi rassicurava durante il percorso, ho vinto in 43 minuti. Ottima gara, seppur sofferta causa caldo e salite. Ettore, che ha avuto la pazienza di corrermi a fianco, ha comunque chiuso nei primi 15 assoluti...ma poteva spingere molto di più. Domenica prossima lo aspettano i mondiali master di corsa in montagna: forza!
Pomeriggio con amici di Bologna, grandi, a Montepulciano: pranzo a base di gnocchi, e rientro serale a Bologna.
Non avevo dubbi, che sarebbe andato bene tutto; non li aveva neppure Giancarlo, che mi ha fatto vincere...

venerdì 9 settembre 2011

Tra Lazio, Umbria, Toscana...


Fa ancora caldo..

Tre giorni velocissimi, nel senso che sono volati, a Roma...Non più in zona MonteMario, ma in zona Medaglie d'Oro, Balduina. Anch'essa zona molto bella, sui colli. Precisamente a 165 metri di altezza, a sentire il Garmin. Ancora i lavori per la tesi sono stagni, e non ho concluso granchè, in ambito universitario. Ho però ritrovato amici, ex colleghi, studenti del mio corso, amiche con cui presentare progetti...Roma è Roma, e rimarrà sempre la più bella città del mondo; le devo tanto, e lei mi ha dato troppo.
Non potrò mai rinunciare a week end o tappe anche più lunghe in questo Paradiso...
Il mio arrivo nella Capitale è stato carino: sciopero dei mezzi, che mi ha dato il pretesto per farmi una bella camminata da Termini al Foro Italico, con tanto di borsone. Gli allenamenti della mattina successiva si son limitati a 30 minuti di corsa con allunghi e 12x150 in salita, sempre a Balduina. In serata, altra mezz'ora.
La mattina successiva, al mio amato stadio dei Marmi, mi son limitata a tecnica, circuiti di addominali, piegamenti sulle braccia, dorsali, e null'altro.
Partenza per Forlì nel tardo pomeriggio, pronta per una tre giorni a Chianciano, con tanto di gara a Torrita di Siena...Arrivo, mondo...

lunedì 5 settembre 2011

Nottate africane.



Rune Tune Up: Bologna, GRAZIE!!



Due giorni epici, intensi, ospite come Toprunner insieme a gente di altissimo livello, sotto la sorveglianza di un'organizzazione eccellente (Fausto Cuoghi è grande) per quella che, probabilmente, sarà la mezza maratona che porterò più nel cuore. Giornata umidissima, che non ha risparmiato noi, 1800 partenti. Svenimenti e disidratazioni a tutto spiano...

Ma veniamo alla due giorni bolognese!!!




Eccociiiiiiiiiiii

Sabato. Il ritrovo è alle 15, in compagnia del mio Supermanager Giancarlo (nonchè fotografo e mentore) all'Hotel Due Torri, dove avrei condiviso una camera quadrupla con le due atlete etiopi WOLDEMICHAEL AYNALEM e GELETU MEGERTU IFA, nonchè la favorita CHEPSOI FLORENCE JEPKPOSGE, è stato solo l'inizio...Atleti keniani, etiopi, le italiane Straneo, Iozzia, Mancini, grandi atlete simpaticissime, nonchè gli italiani Ricatti e Musardo, dell'Aeronautica e dell'Esercito.
Alle 16:30, nel bellissimo Palazzo dei Notai, ci accoglie la stampa e l'assessore allo sport di Bologna...Ottima gestione dell'evento e bella atmosfera in occasione della consegna dei pettorali: la giornata volgeva al meglio. Ritrovo con molto piacere anche Claudio Bernagozzi, simbolo del podismo bolognese in quanto grande organizzatore.



Un occhio all'economia, in vista del prossimo week end...

Pomeriggio in giro per Bologna e cena alle 19:30 alla Brasseria, a suon di piatti di spaghetti, filetti di pollo e mattoncini di dolce...Peccato solo per la notte insonne in una stanza caldissima, nel quale l'utilizzo del ventilatore sanciva uno scontro tribale Etiopia-Kenya (chi lo spegneva, chi lo accendeva). Ma, garantisco, un caldo così non l'ho mai sofferto...Già pensavo al giorno dopo, nel quale avrei dovuto combattere con il rischio disidratazione...
E in effetti così è stato: mi sono svegliata imbambolata, con nausea al punto che ho mezzo mozzicato solo una fetta biscottata, dopodichè mi son rimessa a letto in attesa delle 8:30, ora in cui l'organizzatore Cuoghi (che ringrazio vivamente per tutto) ci avrebbe portato nell'area attesa, fatta apposta per noi...
Giancarlo, intanto, seguiva il tutto e faceva i suoi reportage...



"Anna, ti stanno chiamando..."

La partenza, emozionante, è stata condivisa anche con il mitico Gianni Morandi, sempre carino e gentile...Mi ha anche gasato parecchio la presenza del mio amico Beppe. Amico vero. Rivedo Claudia e gli amici del Pontelungo e della Gabbi...Ma anche amici calabresi, pugliesi, toscani, umbri...
Partenza ore 9:30....Già al 5 km mi accorgo che impostare la gara a 4' al km è pressochè impossibile...cerco di bere il più che posso, ma non basta...crollo inevitabilmente e faccio gli ultimi km soffrendo anche il fatto di non aver più fatto allenamenti lunghi...chiudo 13esima assoluta e 7ima delle "top", inaspettato risultato visto il mio decremento drastico...Tempo pessimo, comunque: 1'33.37.
All'arrivo ritrovo Federico, il mio amico cantante, Giancarlo, gli organizzatori, i compagni di albergo (due di questi ricoverati per disidratazione), mia mamma, la mitica Ilaria, che finalmente conosco...un fun di gente, insomma...
Causa mal di testa decido di rientrare a casa subito; non toccherò cibo fino alle 20 di sera e cercherò di riprendermi con una passeggiata a piedi nudi sul lungomare di Cervia...
Adesso, a poche ore dalla mia partenza per Roma, rivivo quei momenti...Piazza Grande piena di gente, le vie del centro, i viali, con tanta gente venuta per noi, solo per noi, per sostenerci.
Domani lascerò San Luca alle spalle. E già ci sto male...

StraMarano...

Con affetto, amici...

sabato 3 settembre 2011

Verso la Run Tune Up...

Ammetto di essere in tensione...strano...erano anni che non mi sentivo in tensione per una gara. Diciamo che, più che per la gara in sè, sono tesa per l'evento. Domenica correrò una mezza, dopo mesi di stop alle lunghe distanze, tolta la sgroppata di Lizzano di due settimane fa. Un evento bellissimo che coinvolgerà tutta la città di Bologna; coinvolgerà, pertanto, molta gente a me cara.
L'allenamento settimanale ha avuto un clou solamente mercoledì: 3000,2000,4x1000. I tempi sono alquanto deludenti, e non so se riuscirò neppure a tenere una media di 4'20 al km. Ma l'importante sarà esserci, se non altro per portare quel pettorale F10, che mi sa tanto da Ferrari!!!! Gente validissima, da 1'15 e giù di lì, con la quale soggiornerò all'Hotel Due Torri, gentilmente offerto dal cronista Cuoghi..
Albergo a due passi da dove fanno il gelato per me più buono: il mitico Gianni di via Montegrappa!!!!
Tanti altri "eventi" attorno alla gara, che forse mi distrarranno un pò...ma che importa, dopotutto? Darò comunque il meglio che posso dare in questo momento di ripresa seria in allenamento.
E intanto la data degli eventi si è arricchita con la partecipazione alla seconda Maratona della Solidarietà,  Cagliari, 2 ottobre. Gentilissimi gli organizzatori, e sempre troppo piacevole ritornare in Sardegna. Che dire? Sono troppo felice, in questo periodo...Per tutto.

Yuppi!!!!!!

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta