Anna Giunchi Blog Personale

lunedì 29 luglio 2013

Tra digiuni e scorte di cibo...

Follie estive...

La settimana in corso, caratterizzata dai forti caldi, mi hai visto scegliere la gara di 10,2 km di Rocca di Roffeno (11km per il garmin), molto dura causa temperature decisamente proibitive. Seppure ad 802 metri fosse meno caldo e non si superassero i 32 gradi, il percorso, caratterizzato da ripida salita finale, e' stato tutt'altro che semplice... Parto con sensazione di fiacca e conduco la gara in sofferenza, malgrado una classifica che mi ha pienamente soddisfatto e mi ha posizionato sul podio.
Salita finale per me molto dura, al punto che ho camminato in alcuni punti. Sostenuta per buona parte della gara dal grande Mascagni, che mi ha persino preso l'acqua rallentando la sua corsa, ho capito di come, a volte, la solidarietà di squadra superi la competitività. E il team Gabbi, in questa gara, ha fatto un figurone.
Pomeriggio fiacco e serata di pressoché digiuno per chissà quale virus intestinale...eppure, in questa gara ben premiata, ho fatto scorte di cibo a volontà...chi lo vuole?
In attesa di riprendermi, buona settimana a tutti!

venerdì 26 luglio 2013

Mare Algoso e Piacevoli Caldi

Gruppo Gabbi!!

Sono piacevolmente sorpresa dalla mia reazione ai caldi di questo periodo.
Contenta perché, pur correndo alle 7:30 (e se volessi potrei fare meglio) gli allenamenti stanno riuscendo bene, la gamba e' buona e, soprattutto, i muscoli sono più elastici. Il merito, indubbio, e' del nuoto: nuoto in mare 3/4 volte a settimana e devo dire che è utilissimo per il benessere muscolare, malgrado il mare sia parecchio algoso.
Forse, molto spesso, non mi sento reattiva proprio perché non concedo alle mie gambe un idromassaggio...
Ho deciso, a proposito di massaggi, che tenterò il test di ingresso a fisioterapia, a Bologna e a Roma; se andrà vorrà dire che, forse, avrei dovuto approfondire il mio bagaglio culturale con questo corso di studi. Dopotutto sono sempre stata attratta dal ramo medico e neurologico...mi piace studiare e questo e' un mio grosso difetto.
Affondati i desideri di studiare il Svizzera (il lavoro la', per ora, non si vede) vedrò le circostanze e le fortune dove mi manderanno. Non aspetto: vado incontro a tutto.
Bologna o ancora Roma? Chissà...
Oggi, giorno del mio onomastico, pagherò il rovente biglietto per l'Australia (mi faccio un regalo), mentre la prossima settimana andrò incontro al primo lungo caloroso: 2 ore e trenta, pare.
Gara domenicale ancora da decidere: o si va a Rocca di Roffeno, 10,2 km, sulla montagna di Vergato, o a Macerata Feltria, 12,5 km.
Con ogni probabilità, domenica, correrò il mitico giro del Monte Carpegna; una gara meravigliosa cui non voglio mancare...
A tutti buon week end...


lunedì 22 luglio 2013

Cervo che ruzzola...



Ricordavo di aver svolto una pessima gara nel 2012...

 Nonostante abbia recuperato tre minuti da quella pessima prestazione, mi sono riconfermata un autentico disastro sui sentieri di montagna. Partita terza e già faticante in salita, mi sono vista perdere 4 posizioni nei sentieri ripidissimi, ove gli altri concorrenti saltavano come grilli.
Non sono portata per sentieri e pietraie, non ci sono dubbi, ma non mi sono comunque privata di questa bellissima gara di 16,2 km, localizzata nel bellissimo paese di Castiglione dei Pepoli, in una vallata a stretto contatto con la Toscana. Inciampata tre volte e accompagnata da un vistoso taglio al dito medio causato da chissa' quale ramo: ero una comica.
Dopotutto lo sapevo: non era la mia gara, ma l'allenatore mi ha assicurato che questo e' un problema che si può risolvere allenandosi sulle superfici da me tanto temute...
Dopotutto il medico non mi impone certo di diventare una specialista, e considero questo ottavo posto come una grazia ricevuta. Bellissimo paese, per l'occasione arricchito dal mercatino.
Il pomeriggio e' proseguito con una visita al bellissimo santuario di Bocca di Rio: incredibile quanto l'Appennino bolognese sia in grado di offrire. Spero che questa estate duri ancora a lungo, perché sto bene e sono felice: dal mare alla montagna, qua tutto e' bello.
Nella prima settimana di agosto si inizierà a parlare di lungo in preparazione per la Maratona... Dai che la voglia di correre c'è, e Sydney e' piu' bella che mai.
Buon lunedì a tutti!

sabato 20 luglio 2013

Week end Castiglionese...

Gruppo dell'Osservanza!

Settimana climaticamente gradevole, dove mi sono goduta il mare.
Passeggiate sulla spiaggia da Milano marittima a Lido di Savio, escursioni in bici con qualche allenamento tecnico pomeridiano: mi sono goduta tre giorni di mare come piace a me, prima di ributtarmi nella mia palestra a Milano Marittima.
Allenamenti di fondo medio, badando bene a non spingere causa caldo e umidità, in un'ottica di preparazione australiana.
Gara domenicale di 16,4 km, la prima un po' lunga dopo la 30 km di San Marcello, in zona Castiglione dei Pepoli. Causa la presenza di sassi lungo il tragitto, non ho alcuna ambizione, se non quella di fare un buon lungo.
Ricordo che nel 2012, causa panico post infortunio, andai malissimo, ma mi piacque comunque.
Dopotutto quel che conta, come sempre, e' divertirsi, godendosi una delle gare più belle sull' Appennino bolognese.
Saluti a tutti, montanari e non!

mercoledì 17 luglio 2013

Cervelli in fuga...

Ho sempre limitato questo blog ad esclusive narrazioni podistiche.
Per una volta voglio parlare d'altro, sempre tenendo conto che è sempre lei, la corsa, ad aiutarmi nelle difficoltà.
È' un periodo di crisi per l'occupazione, e il fenomeno ha coinvolto di brutto anche me.
 Errore, il mio, di non aver colto occasioni lavorative presentatami, preferendo proseguire gli studi fino al conseguimento di tre lauree, di cui una quinquennale in psicologia, con tanto di anno di abilitazione ed esame sostenuto, e due in Scienze motorie all'università di Roma "Foro italico", con specializzazione in Scienze e tecniche dello sport. Ho anche svolto due master, che però non mi hanno acquisito punteggio.
Amo l'Italia e in più di una occasione ho rifiutato l'estero, ed ora mi trovo in una condizione di totale confusione. So di avere titoli, qualifiche e capacità (ogni tanto un po' di presunzione ci vuole) eppure mi rendo conto che qui, in questo paese, sono sempre pronti ad illudenti, fregarti e, soprattutto, sfruttarti facendoli addirittura credere di farlo per il tuo bene. Ho lavorato in molti circoli sportivi, ricevendo trattamenti differenti, più o meno validi, ma non ho mai lavorato sfruttando appieno le mie competenze. Mi ritrovo a fare lavori per il quale sarebbe a stato il mio secondo livello di istruttore di tennis e, del resto, noto che spesso, al mio fianco, vi è stata gente con neppure una delle mie qualifiche e totale inesperienza.
Non voglio riservare il lavoro solo a chi ha titoli di studio, per carità, del resto ritengo che l'esperienza sul campo valga molto di più, ma mi meraviglio di come questo paese lasci allo sbando gente che, come me, vuole misurarsi concretamente sul mercato, offrendo il proprio contributo.
So di essere competitiva e sono pronta a tutto. Ho un fratello, validissimo, che è andato in Australia e riceve trattamenti e compensi che in Italia non si sarebbe neppure sognato: ma si deve andare dall'altra parte del mondo per essere apprezzati? Io amo ancora il mio paese e ho la mia famiglia, l'unica, lo ammetto, che ha colto il mio disagio attuale e mi e' di supporto. Ho anche un amica, Mariella, svizzera, che ha preso a cuore la mia situazione e mi sta aiutando ad "emigrare" nel suo paese, persona che ha anche visto in che maniera il mio ultimo datore di lavoro mi ha "scaricato".
Non mi faccio comprare da chi, con ipocrisia, fa finta di capirmi e non fa nulla per aiutarmi e non ho paura ad andarmene dove l'occasione possa chiamarmi. Meditavo per la quarta laurea, fisioterapia, ma ho anche una paura di fondo: che da qui a tre anni anche quel settore sia "saturo". Ma ha senso far morire il proprio paese?
Questo e' quanto... Chi avesse la sua, può dirla...


Cervello in fuga...direzione Corno alle Scale...

lunedì 15 luglio 2013

Camminata Berzantina: 12,4 km

Non ho mai partecipato a questa gara negli anni scorsi, unicamente perché coincidente con il momento clou della mia estate al mare: il Vip Master Tennis.
Quest'anno, però, sono riuscita non solo a partecipare alla gara, ma anche a farmi un bellissimo week end a San Momme', con piatto serale preGara di linguine allo scoglio e caciucco.

Linguine allo scoglio...

Cena, questa, che mi ha portato bene, seppure risentissi dell'ora e 15 di tennis sotto il sole giocata con Piero Chiambretti il giorno prima della gara.
Una gara ottimamente organizzata e molto partecipata, in una giornata calda ma neppure afosa come siamo abituati in città. Complimenti al gruppo dei Runners Maratoneti Berzantina, organizzatori di tre eventi (maratona di Suviana, Camminata Berzantina, 5 passi in Val Carlina) che testimoniano l'ottima attività locale e l'eccellente organizzazione di questi appassionati.
Percorso faticoso, con ultimi 4 km di discesa ripida, alternante continua salita a strappi nel bosco, con alcuni pezzi in fondo sassoso.
4 posto per me in 55 minuti; soddisfatta ma un po' amareggiata per la consapevolezza di non essere del tutto portata per i sentieri di montagna (l'infortunio dell'anno scorso ha lasciato i suoi segni); poco importa, dato che basta divertirsi.

Con il Grande Cerchione!

Ottima gara per la mia compagna di squadra Silvia Lucchi, che si è aggiudicata la gara con una prestazione di tutto rispetto, ma estremamente valide anche le ragazze che mi hanno preceduto: Katia Bianchini e Milena Megli.
Al seguito della gara ho potuto ammirare il paese di Monteacuto delle Alpi, per l'occasione sede della sagra delle castagne. Paese, appunto ricco di castagni secolari; un piccolo paradiso collocato lassù, sopra Lizzano in Belvedere, dove finisce il mondo e si ritrova se' stessi. Un pomeriggio bellissimo, di stacco dai problemi del quotidiano.
E' un paese, Lizzano in Belvedere, verso il quale avrò sempre un forte legame: non a caso ci correrò anche la 5 passi in Val Carlina, 25 agosto.
Con i ricordi della montagna sono tornata al mare la sera stessa...ma risalirò domenica prossima, questa volta a Castiglione dei Pepoli. Buona settimana a tutti!

Acqua fresca per tutti...

domenica 7 luglio 2013

Il duetto dei tre

165 km totali: direzione Fano.
L'idea e' quella di partecipare alla gara di 10,6 km, molto competitiva e ben organizzata, cogliendo l'occasione per visitare quei posti di mare a me molto cari. Bellissimi posti, dove il mare, con fondale ghiaioso si riflette in tutto il suo blu. Fano e' una cittadina con molta storia nelle proprie vie del centro; ne ricordo con piacere la permanenza durante il corso da preparatore fisico nel tennis.
Molto, molto caldo nella giornata di oggi. Non sentivo le gambe reattive, in quanto la 30 km di domenica scorsa aveva lasciato segni notevoli. Eppure proprio la gara di domenica mi aveva preparato mentalmente alla 10,6 km di oggi.
Gara impegnativa, questa, diretta alle Caminate con salita ripida e ridiscesa finale...
Soddisfatta del mio terzo posto assoluto e di quello di Fabrizio: una bella coincidenza che ben ci fa sperare per le gare future.
Adesso puntiamo alla Berzantina, domenica prossima, zona Appennino bolognese: l'estate e' arrivata!

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta