Anna Giunchi Blog Personale


domenica 25 febbraio 2024

Vedi Napoli e poi...


Il mio programma dei tre weekend affollati di impegni sportivi è terminato oggi, con la mezza maratona di Napoli. Dopo i 30km a Bologna, mi impegnerò a preparare la maratona di Roma, senza avere aspettative, dato che ho pochi lunghi nel serbatoio e i due mesi di influenza mi hanno un po' condizionato la preparazione.

Sto un pò testando differenti scarpe da gara, ma ancora non sono convinta del modello che mi accompagnerà per 42 km.
Ho atteso tanto questo weekend a Napoli, al punto che è già terminato, da quanto lo ho vissuto intensamente.
Mancavo da tanto tempo da questa città, che ogni volta sa come catturarmi. È una città bellissima e la cosa che ho colto, ma che non mi ha stupito, è di come stia, da anni, venendo apprezzata da sempre più persone, che ne gradiscono il clima, l'atmosfera la cultura, l'ospitalità degli abitanti. Per prenotare questo weekend mi sono dovuta muovere diversi mesi prima.

Ed eravamo veramente tantissimi in questa mezza maratona, motivo per cui sono partita con poca carica agonistica, pur cercando una progressione negli ultimi km.
A parte qualche sprazzo di brillantezza in certe gare più corte, mi sto rallentando molto, ma penso che l'atto più corretto sia quello di non ingannare il tempo.
Mi sono divertita, perché il percorso è stato veramente bellissimo, con eccellente organizzazione verso l'alto numero di partecipanti, a partire dell'accoglienza al Museo di oltremare, ai punti ristoro durante il percorso, alla gestione del traffico.



"La carica" è  un concetto con molteplici significati. "Ti carico": in macchina, ad esempio, nel senso di un passaggio.
"Ti carico prima di una gara", per darti energia. "Sei carico"? "Sei pronto"? Il carico, a briscola. Caricare la batteria di un dispositivo o di una vettura.
Ecco, Napoli è una città che mi carica. Mi carica di emozioni, che però non pesano. Mi dà la carica, perché mi rende ottimista.
Mi rende felice, perché è bella, perché è calorosa, perché è viva.
In questo mordi e fuggi, in occasione di una mezza maratona in cui avrei potuto fare e dare di più, mi sento serena e felice. Napoli è sempre carica di intensità e non si può viverla in bianco e nero.
Perché Napoli è azzurra come il cielo, come l'Italia, come il mare, come quell'effetto cromatico che ti rende sereno e ti fa sollevare.
Napoli è tutto quello che non si può descrivere, perché strabordante di vissuto. Ed io avrei tante cose da raccontare, ma devo ancora metterle tutte insieme.
Perché Napoli è anche questo: entropia. Il caos vitale, là dove la vita va vissuta prendendo ogni volta un tono diverso da una tavolozza di colori. Ogni giorno un colore originale e brillante.
Il cielo è tornato sereno, sopra di me, e lo vedo dal finestrino del treno del ritorno.

domenica 18 febbraio 2024

Tra riflessioni, riflessi e Facoltà


Un weekend lungo romano, baciata dal sole, fortemente voluto, stanca della nebbia e dell'umidità. Non mi sono fatta mancare niente, neppure gli acquisti delle scarpe che mi faranno compagnia per la Maratona, tra un mese. Non mi sono fatta mancare le serate con gli amici, l'allenamento al parco della Caffarella, le "vasche" in via del Corso, la vita mondana...


E domenica 18 febbraio, oggi, come da programma, ho corso una bellissima Xmilia insieme ad altre 1300 persone, concludendo anche con una buona progressione e un minuto meglio del mio 1h07 del 2023.
Mi piace molto questa gara, perché si corre in una locazione unica, tra policlinici, moderne sedi universitarie, saliscendi allenanti. Lo spazio permette di lasciarsi andare, senza troppi intruppamenti. Organizzazione Top, e memorial Calligaris, molto sentito da chi valorizza chi sacrifica sè stesso per la patria.
Correre fa pensare: a volte mi ritrovo a rimpiangere la persona che ero, con più temperamento, che lottava per chiarire fatti e antefatti con le persone cui teneva, scaldandosi pure con evidente fuoco temperante.
Con il tempo si cambia.


Si preferisce il guardare più alle conseguenze che non alle cause. Non mi interessano più le cause, ma unicamente gli effetti.
Ho ritrovato gli amici di sempre, ho perso qualcuno, ma mi lascio scivolare una previsione con assoluta serenità. Il destino si abbarbica in noi e decide lui.
Ho ritrovato persone che hanno avuto tempo per me. Loro saranno il mio presente e futuro.
I rapporti evaporano più o meno in fretta a seconda della profondità, e il sole ha sciolto diverse pozzanghere.
Sono contenta di quello che so dare.
Oggi ho dato fiato e cuore per il mio gruppo militare, e sono stata bene, sono persone splendide.
Torno con la molla di spinta che mi porterà a dare sempre il meglio, rispettando me stessa e gli altri.
Un weekend schizzato via come un treno ad Alta Velocità...a questo non c'è rimedio, solo il Tornare.

domenica 11 febbraio 2024

Correre per pensare, correre per non dimenticare...

Accademia di Modena: maratonina di San Geminiano, foto ricordo.

Uno stop dalle gare al seguito della Tre Comuni, seguita da 13 km non competitivi a Modena, in compagnia della mia squadra, venuta apposta per presenziare l'evento. Domenica scorsa ho invece corso 32km. 

Dicevo di Modena...Ed è già passato un anno...un anno da quella giornata di forte impatto emotivo, in cui, come una spugna, recepivo tutto quello che mi veniva trasmesso da chi, in Accademia militare, si è formato.

Ricordo che l'anno scorso corsi con non poca fatica, ma la gioia e l'entusiasmo nell'esserci smorzarono tutto. Corrida di San Geminiano.

E volevo esserci anche oggi, 11 febbraio, per la Corsa del Ricordo, Roma, quartiere Giuliano Dalmata. Evento al quale, purtroppo, sono sempre mancata a causa di sovrapposizioni di impegni. Beh, quest'anno ho voluto fortemente esserci.

Carica del lungo, già citato, di domenica scorsa, sapevo che, a livello di corsa su 10km, mi sarei dovuta preoccupare esclusivamente di velocizzarmi un po'.

Percorso vario e impegnativo, molto allenante, che mi ha portato ad un primo posto di categoria. E per me è già tanto.

Un evento di portata morale non indifferente, alquanto sentito dai miei compagni di team, che condividono con me non solo km, ma anche pensieri.
Mattinata caratterizzata da forte vento e pioggia a tratti, che non ha condizionato la cerimonia di deposizione della corona per le vittime delle foibe.
Ho imparato molte cose, grazie al presidente Stefano del mio gruppo sportivo, e non nego che il sentire le parole di chi ha vissuto certi momenti in veste di militare, di chi vive le Istituzioni con profondo rispetto e devozione, mi tocca sempre nell'animo, soprattutto se do' un occhio al capitombolo che sta facendo il pensiero collettivo di molte persone.
Io sento i valori, e il richiamo ad esserci. Oggi il mio desiderio, in un momento in cui il pensiero dello spessore della vita umana, indipendentemente da etnie e ideologie politiche, dovrebbe sconfinare su tutto, era talmente forte da portarmi ancora una volta in questa città che amo.
In un quartiere che non conoscevo, confinante con quello, la Cecchignola, che ho vissuto e ho ancora dentro da anni. Un quartiere a me ignoto nella sua storia e nei suoi volti, che aspettava l'Oggi per mostrarsi con i suoi cuori e le sue speranze a chi ha partecipato a questa manifestazione unica.
Passo dopo passo, un invito a riflettere...spesso ci penso, ma correre fa pensare, e tanto.

E infine un pensiero tutto per Giovanni, che c'è sempre. L'amicizia, dopotutto, si determina dal Tempo. Vissuto e donato. Di questi...tempi non diamo per scontato nulla: avere un vero amico è una grande fortuna.




domenica 28 gennaio 2024

I Tre Comuni che mi sono mancati

Mancavo da tantissimo tempo alla Tre comuni. Sono 22,4km. Belli Tosti.


Devo però constatare una cosa: la fatica rinforza i ricordi. Le emozioni a prescindere rinforzano i ricordi. Perché i momenti che mi sono rimasti negli anni più impressi di questa meravigliosa gara sono proprio legati ai punti più difficili...
Le salite iniziali, il salitone finale di 10km, lo strappo, anch'esso sul finale...mancavo a questa gara da diversi anni, ne ho corse numerose edizioni dai vari punti di partenza (la gara attraversa i comuni di Nepi, Civita Castellana, Castel S.Elia) e posso dire di averne in luce ancora tutto.
La partenza, i bar, il ritrovo, i castelli, il freddo iniziale, l'emozione dell'arrivo.
Sono stata veramente contenta di essere riuscita, tra il lavoro e...il lavoro, a ritagliarmi un veloce weekend che mi ha risvegliato di vita.
Tutto questo, il poter correre in un territorio che amo, mi rimette al mondo ogni volta.
Lo sento come un Reset di Corpo e Mente. Lo attendo ogni volta come un impulso liberatorio, e quando rientro a casa sono più serena e lucida di prima.
Non ho ancora i miei tempi, so di poter fare ancora qualche passo avanti, ma sono molto contenta di come ho gestito la gara, del ritmo che ho tenuto e di come sono stata all'arrivo.
Ho corso in settimana copertissima a più strati per il freddo...ieri, a Roma, i 17 gradi in Caffarella mi sono stati salutari e ho pensato a quanto basti per essere felici e sereni.
Sono stata bene, e ringrazio chi mi ha aiutato in questo.
Ricevo tanto, e ad ogni viaggio di ritorno ci penso. Pensare alle cose belle non fa mai male.


domenica 21 gennaio 2024

Miguel 2024.


Non so quante volte il mio rientro dopo un periodo non facile sia coinciso con La corsa di Miguel. Non lo ho controllato, ma posso garantire che questa gara per me ha un corollario di significati.

Corsa dai miei tempi universitari, quando tutta la zona del Foro Italico, che ho vissuto profondamente, ne richiamava la corsa.

Ogni tanto mi guardo alle spalle, e mi scatta alla mente come siano volati quei 5 anni, tra lavoro al circolo Tennis del Foro Italico e al Canottieri Roma, il tunnel dell'Olimpica, la mia casa a Montemario alta, gli allenamenti al palazzo H, quando ancora era buio e parcheggiavo la moto allo stadio dei Marmi, le lezioni e, appunto, il lavoro al pomeriggio. Periodi di uscita alla mattina e rientro alla sera, con la rugiada, in un ambiente che è stato la mia casa romana per 5, veloci anni.
Le mie strade hanno poi seguito un altro anello, ma il richiamo di questi vissuti è sempre molto forte. Spesso li cerco io.


Sono convinta che non si possa, nè si debba mai tornare indietro nelle proprie scelte...mai lo ho fatto...ma penso che il passato non vada mai rimosso, perché esso è la struttura portante di quello che si è oggi.
Dopo 2 mesi di influenza batterica, cosa che mi ha letteralmente usurato, tra ricoveri al pronto soccorso, due cicli di antibiotici e cortisone, sentivo che oggi era il momento giusto per ripartire. "Sentivo" la gara.
Un nulla di che, ma tutto questo mi porta a scrivere.
E mi fa pensare che, a volte, doversi allontanare per cause di forza maggiore faccia persino bene, perché poi ti fa stringere ancora più forte tra le mani ciò che hai dovuto lasciare un pò andare.
Mi è mancato tutto.
Amo talmente tanto tutto questo da farmelo mancare persino quando ce l'ho.
Tutto ciò che è ritorno mi vibra dentro e mi scalpita nell'animo. Lo sento battere i piedi per l'emozione. Ne sento la musica.
E avrei preso con gioia persino l'inizio di quel periodo difficile, chiamiamolo "di prova", iniziato oltre due mesi fa, se avessi saputo che mi avrebbe poi distribuito questa voglia di rientro, questa gioia di ricominciare.
Fatto sta che sono ancora tra voi che correte, e trattengo il respiro fin d'ora.
Di fiato adesso ne ho, e ho tantissima voglia di correre...
Ho chiuso la mia gara in una media di 4'20, quando avevo ipotizzato a me stessa un 4'40, ad andare bene...sono contenta.
Sono contenta perché a volte Anna riesce ancora a stupirmi...e correre, fare sport, incastrare impegni e mantenerli, mi ha reso una persona con maggior autostima.
Ho passato un weekend bellissimo, con la mia società, della quale sono fiera, composta da persone stupende, amichevoli e sempre gentili. Mi sono depurata da un periodo difficile, in cui mi ero anche un pò avvilita per la battaglia batterica in atto. Ma ho vinto.
Ora so che posso vincere ancora, posso pormi obiettivi, ipotizzare impegni e lottare per perseguirli. 
In fondo cosa posso insegnare a chi mi legge? Che messaggio posso trasmettere?
Vorrei invitarvi a non mollare mai, perché è proprio nei momenti più difficili che ci si impara a rispettare e a voler bene. Si impara a pensarci. Ad ascoltarci.
Io sono fiera del mio sangue alpino: mi porta alla conquista di me stessa ogni volta.
È grazie a questo antidoto che mi scorre dentro le vene che non mollo mai.


sabato 6 gennaio 2024

Vacanze Romane

 "Cara Roma, ti scrivo. E oggi avrei potuto non essere qui, sul Lungotevere, a rimirarti, in un periodo di dolore (fisico) veramente forte. Ma ci sono, e voglio dedicare a te un pensiero per il 1^ dell'anno. Mi hai raccolto e rialzato più volte, ormai mi conosci...hai condiviso con me dei momenti difficili, ormai da 20 anni...sì, 20 anni.

E sono convinta che, anche questa volta, tu abbia fatto molto per me. Ti sei presa cura della mia persona in un grido di dolore, e mi hai preso sul serio, anche se sai che mi piace spesso scherzare. Mi hai ascoltato, perché avevo bisogno di questo. Mi hai fatto capire che non solo sola, ma di questo non avrei mai avuto dubbio...eppure lo sai che mi piace essere "desiderata". Roma sei tu, Roma è chi la vive: miei fratelli.

A te un 2024 eterno. Se oggi siamo insieme non è un caso. È un auspicio.
Grazie per esserci.
Grazie in particolare agli amici che mi hanno ancora una volta dimostrato che il "Se hai bisogno ci sono", è un tesoro che ti viene consegnato da poche, meravigliose persone. Grazie.
Che sia un 2024 coperto dai miei Grazie"


Questo scrivevo il 30 dicembre 2023, dopo un ricovero al pronto soccorso per una fortissima cefalea dovuta ad una ricaduta influenzale.
Un pensiero di gratitudine verso una città, proprio Roma, che mi ha risollevato da diversi periodi critici della mia vita, che ho narrato negli anni in questo blog.
E l'ho riscoperta in queste vacanze natalizie, seppur vissute in maniera del tutto anomala, direi pure un pò solitaria, per concentrarmi esclusivamente sulle cure da dare al mio corpo.
E ne ho riscoperto il calore del clima e delle amicizie...ne ho riscoperto la magia del centro, il verde della Caffarella, le pioggie sconfitte da uno squarcio di sole, le corse e gli amici che conosco da ormai tanto, tanto tempo.
Ho corso due gare, We Run Rome e Corri per la Befana, chiaramente impostate come allenamento, cercando di capire i piccoli passi avanti che sta facendo il mio corpo. E certo, ci vorrà ancora tempo per stare bene, ma già il Fare, per me, è forte stimolo interno.


Riparto con molta malinconia.
Con profonda gratitudine, con la volontà di tornare presto.
Ogni volta, tra i resti antichi e le luci dell'Appia nuova, lascio anche un pò di me.

domenica 17 dicembre 2023

San Marino antibatterico

E, combattendo da oltre un mese contro un batterio, cedo agli antibiotici...

Purtroppo mi trascinavo questo pneumococco da troppo tempo. Partita fiduciosa di risolverlo in una settimana, complici il clima e il mio lavoro a contatto con i ragazzi, me lo sono portato avanti per un mese esatto. Non voleva lasciarmi, perché mi giudicava una persona solare ed allegra. Mi è sempre stato a contatto, soprattutto nel petto, poi se è andato a spasso per tutto il corpo. Per lui non ho corso la Reggia Reggia e ho saltato moltissimi impegni, sperando, in tre giorni di malattia, di uscirne nuova. E invece...ulteriore ricaduta dopo un allenamento in montagna con i ragazzi, e peggioramento, dunque ancora in malattia e stato febbrile. Con una cura di antibiotici e inalazioni, sto iniziando a vedere la luce in fondo al tunnel di un problema che, pur lieve rispetto ad altri, non andava assolutamente trascurato.

Imparo da questa esperienza l'aver più prudenza e meno fretta nelle cose, nonché il sapermi ascoltare, dandomi tempo. Perché io ho sempre fretta, tra allenamenti, lavoro, tempo libero.


In più, adesso, ho iniziato la bellissima esperienza della Protezione Civile, ma per aiutare gli altri devi, in primo luogo, aiutare te stesso e, soprattutto, essere in condizione di prestare servizio.
Non sono andata a Roma per dedicarmi alla Cura, ma forse ho esagerato pure oggi. Beh, la voglia di correre, e per lo più a San Marino, luogo che amo tantissimo, era troppo forte. Così mi sono testata, al terzo giorno di antibiotico, su questa bellissima 14,8km(per me 15, perché ho allungato un pezzo). Un collinare panoramico, impegnativo ma per nulla noioso. Mi sono divertita tantissimo, lasciando un po' di agonismo da parte, accontentandomi di finire. Concluderò l'anno con la We Run Rome, mentre per il 2024 ho tanti impegni nel cassetto. Ma senza pneumococco.

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta