Anna Giunchi Blog Personale

sabato 14 aprile 2018

Attimi da conservare


A volte mi chiedo perchè non riesca a selezionare gli stimoli sensoriali prima che arrivino alla mia mente.
Essì: mi piacerebbe ispezionare e scegliere all'ingresso tutto ciò che mi circonda: tutto ciò che sento, che respiro, che odoro, che vedo. Vorrei scegliere un elemento per volta, tenendomi stretto unicamente quello che vorrei che fosse. E farlo mio.
Non è così, però, in quanto dobbiamo assimilare un pò tutto: il bello e il brutto (chissà se esistono altri criteri selettivi...) che arriva alla nostra mente, ed accettarlo. Magari, se ne siamo capaci, possiamo provare a trasformare il "cattivo" in "buono", o comunque prepararlo ad una convivenza pacifica; la famosa "trasformazione" della quale i colleghi parlano consiste proprio nel rendere le frustrazioni compatibili con il proprio Io.



A volte capita anche che le emozioni (il "traguardo" delle sensazioni) non trovino spazio in un contesto nel quale sarebbero nocive, e dunque rimangano lì, ferme. Complici e segrete. Impercettibile tutto questo tra il traffico di una città come Roma, che comunque rispetta e osserva ciò che è ben saldo e forte.
Io non ho la chiave per risolvere quello che reputo un meccanismo complesso...anzi, perdo spesso le chiavi e mi scapicollo ogni volta per ritrovarle. Perdo sempre le chiavi...chissà perchè: forse, in fondo, non ho ancora trovato la chiave per la "mia" porta di casa. Forse è sbagliata la serratura, o forse preferisco aprire i portoni a testate, senza marchingegni. Mi piacerebbe, a volte, ascoltare solo il mio istinto.
Io non aspetto di trovare una meta a questo eterno viaggiare: vivo ogni attimo della mia vita con gioia ed entusiasmo, cercando di coinvolgere anche gli altri, quegli altri che "mi sono scelta" in questo tornado di vitalità che mi caratterizza. Non ho più bisogno che qualcuno mi accetti: voglio essere io ad accettare chi possa farmi stare bene.
E dunque, dato che qui, nel Blog, devo parlare di corsa: sto correndo ancora, ma senza fare gare. Mi alleno, prendo il ferro e mi preparo a stare meglio, dirottando la mia attenzione verso le gare dei miei allievi, sempre più parte e prolungamento del mio Sè. E sto bene dove sono: sono convinta di poter ancora dare e ricevere.
E viaggio tanto, tanto su rotaie...ieri Bologna, domani Roma e Velletri.
Non so cosa farò domani, ma intanto mi affaccio dal finestrino e guardo sfilare il panorama che si apre ai miei occhi. Increduli. Vivi.

Nessun commento:

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta