Anna Giunchi Blog Personale

domenica 30 giugno 2013

C'abbiamo creduto, ma non fino alla cima...

La Pistoia-Abetone: una gara massacrante, unica, che trascina. E proprio così, come l'ho immaginata, l'ho trovata...Certo, ne ho corso solo una parte (la 30 km fino a San Marcello), evitando il pezzo più duro che però, a detta di molti, lascia anche il suo segno. Ma ho capito, dalla gente alla partenza e dalla visione del passaggio di coloro che, da San Marcello, sono saliti verso l'Abetone, che questa è una gara unica, che ti mette alla prova con te stesso. Sinceramente non so come abbiano fatto ad arrivare in cima dato che io, nel mio piccolo, ritengo di aver fatto molto.



Con una cena così...

5 km di pianura per poi affrontare i 9 km di salita impegnativa fino a Le Piastre (punto più difficile, ma affrontabile accorciando il passo e mettendosi in testa che sono solo tornanti, senza un attimo di tregua), discesa piuttosto regolare nella quale io, illusa, pensavo non si salisse più, mentre dal 20esimo in poi si raggiunge anche la salita dell'Oppio, punto per me più duro in quanto non previsto (mi avvisò, a tal proposito, la mia compagna di squadra Silvia, venuta per l'occasione in bici).
Negli ultimi 4 km in discesa realizzo di essere alla fine: chiudo al 4 posto con 2h33.30. Per me, ottimo: a questo punto posso solo mantenermi per Sydney, perchè ritengo di avere una buona base di fondo.
Ottimo Fabrizio che vince in 2h02, portandosi a casa l'ennesimo prosciutto.
Piacevole la conoscenza di Rosa, protagonista di una ottima 50 km, mentre mi rammarico di non aver visto Franca e Monica...
Gara conclusa con esito positivo anche grazie al ricco carico di carboidrati della sera prima; cena di pesce da seguito del  pasta party e colazione alle 5:45 a base di pane e miele. In queste gare, inutile, l'alimentazione è importantissima. Anche questa una bella esperienza da mettere in archivio. Anche questa si rifarà; eccome se si rifarà...



5 commenti:

Tosto ha detto...

La prossima volta se la farai avrai la motivazione per arrivare in cima!

a proposito del precedente post, anch'io sono sempre in ritardo nelle scelte, cmq ognuno ha i suoi tempi perciò "non è mai troppo tardi" ha un suo senso :)

Fausto di Bio Correndo ha detto...

Bell'allenamento in vista di una maratona! Certo però che fatica! Quand'è la maratona nella terra dei Koala? Me ne porti uno? :-)

Anna LA MARATONETA ha detto...

Ciao, Tosto...è proprio vero quel che dici...non è mai troppo tardi. Eppure, a volte, ho paura che il tempo scorra talmente veloci da non godermelo come vorrei. Forse dovrei cogliere il bello in ogni cosa che mi circonda. Proverò a maturare. Quanto alla cima...non so, mi sa tanto da cosa "ultra" cui sono contro per principio. Le "ultra" le lascio ad altri.
@Grazie, Fausto...massacrante ma valevole di correrla! Quanto ai koala...occhio che mi hanno detto che sono violenti con gli artigli e un pò minchiosetti: personalmente preferirei un dingo...

Francarun ha detto...

Cara Anna mi rammarico di non averti vista ne alla partenza ne a san marcello, ma non mancherà altra occasione. hai comunque fatto una bella prova, ora sai com'è in parte la Pistoia Abetone, io che l'ho corsa 3 volte tutta fino in cima so cosa vulo dire, è massacrante si, ma se la sai affrontare ti dà una grande soddisfazione. spero che la prossima volta la farai fino alla vetta, almeno ci devi provare. Complimenti ancora !

Anna LA MARATONETA ha detto...

Franca!! Guarda, che peccato! Sono arrivata alla partenza tre minuti prima e ho visto gente del CAI Pistoia, ma non c'eriiiii! È' una gara che ti prende, ti affascina...mi sarebbe piaciuto arrivare in cima, sai, ma l'ho vista come un'impresa proibitiva. Complimenti, complimenti a tutti voi e, soprattutto, a te per le tue imprese. Ci vedremo prima o poi, ci conto!

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta