Anna Giunchi Blog Personale

venerdì 12 dicembre 2014

Nostalgia romana...

Ritornare a correre nel Lazio, ripassare per quelle zone nelle quali ho vissuto per anni, mi ha fatto capire quanto ancora, in me, sia rimasto di quei luoghi. Ho passato anni universitari stupendi, dove ho assaporato il piacere della ricerca nella fisiologia dell'esercizio fisico, proprio quel settore che avrei desiderato approfondire, cosa che purtroppo non mi è stata possibile.
Sono scappata da luoghi che amavo per problemi non determinati da me e forse ho agito troppo d'impulso, "Forse avrei rimpianto tutto ciò", e infatti così è stato. Perchè di quella città ho conosciuto e apprezzato tutto: dalla unicità di certi quartieri, al mangiare all'aria aperta, alle piste ciclabili, ai parchi...Ho apprezzato l'essere sempre in un posto nuovo in ogni week end, anche quando i posti erano sempre gli stessi. E mi piaceva cercare anche le zone popolari, perchè in una città non esiste solo il centro storico e ogni aspetto di vita ha il suo fascino. Ho passato pomeriggi a passeggiare tra villa Ada e Villa Borghese, parcheggiando, come sempre, lo scooter in piazza Ungheria, correndo gare ogni domenica avventurandomi con il treno o la metro... coltivavo la mia passione per la politica andando ad incontri e assistendo alle sedute alla Camera dei Deputati.
Ho anche corso la sera sotto l'Olimpico, illuminata dalle luci del Foro Italico. Ho circolato in tangenziale con i piedi zeppi di acqua e la sella dello scooter perennemente fradicia. Quello scooter che, da quando l'ho riportato a casa, è perennemente fermo, ma ha ancora la targa "Roma".
E' una città che mi è entrata nel cuore. I suoi colori, i suoi profumi, la sua vita e la sua accoglienza mi mancano. E mi sono messa in testa di ritornarci, e di riprovare ancora.




2 commenti:

babalatalpa ha detto...

Sei la benvenuta! Anche se non è una città facile. Io ho un pessimo rapporto con Roma (forse perché non sono romana). Ho ricominciato ad apprezzarla da quando me ne sono allontanata. Paradossalmente il pendolarismo mi pesa meno dello stress del GRA e, onestamente, non so se tornerei a viverci.

Anna LA MARATONETA ha detto...

@grazie, babalatalpa...mi metto a cercare un lavoro e prometto che la prima cosa che farò al mio trasferimento sarà di venire a trovarti!

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta