Anna Giunchi Blog Personale

martedì 19 aprile 2016

Più forti del diabete

Non avevo mai corso questa gara, e mi è servito molto correrla... Al di là del messaggio sociale forte, mi è piaciuto correre nella mia città, riscoprirne le bellezze, ritrovarne la gente.


Ho rivisto tanti amici, del mio passato e del mio presente, ho ritrovato in tutti la voglia comune di camminare, correre e dedicare una mattinata ad una causa sociale che, in lungo o in largo, coinvolge una buona fetta di popolazione.
Non ero in forma, almeno così pensavo, e mi sono lasciata andare ad un ritmo tale che non mi consentisse di spingere più di tanto. Ho cercato di trovare un passo sciolto: sapevo che, dopo due settimane, si sarebbe potuto iniziare ad accusare la Maratona. Invece stavo benissimo: vuoi il percorso, che ha attraversato i punti più belli della mia città natale (centro storico, San Domenico, parco urbano, salita da Vecchiazzano) vuoi la voglia di correre, vuoi la giornata di festa per tutta la città...
Tanta, tantissima gente giunta al richiamo sociale: arrivo al mitico Gotti, dove sono nata atleticamente: somma di ricordi su ricordi.
Emozioni di anni corse tutte d'un fiato, in 1h29.44, tempo che mai mi sarei aspettata di fare, e che mi ha portato ad un secondo posto assoluto. Emozioni che sono passate troppo in fretta, ma che non se ne sono mai andate, in fondo: quella è la mia città.


6 commenti:

Enrico Franconi ha detto...

Brava Anna.
Una gara così farebbe bene anche a me.

Anna LA MARATONETA ha detto...

Ciao! Domenica ce ne è' una a Cervia!!! Perché non vieni?

Enrico Franconi ha detto...

Grazie ma.. è troppo lontana! Meglio una in zona qui.

Anna LA MARATONETA ha detto...

Che gara farai in zona?

marianorun ha detto...

Correre a Furlè, con il cuore in mano... Avresti proseguito per altri 21 km credo, o fino ai confini delle tue terre interiori. Bravissima!

Enrico Franconi ha detto...

Anna, qui va già bene se faccio qualche uscita di corsa x conto mio.. Una gara me la devo ancora scegliere e sognare. Ma la faccio eh, tranquilla!

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta