Anna Giunchi Blog Personale

lunedì 6 giugno 2016

Cortina-Dobbiaco 2016

Sono arrivata un pò stanca a questa edizione della Corsa delle Dolomiti, uno degli appuntamenti per me irrinunciabili. Stanca dai mesi di lavoro (per fortuna), stanca dalle mezze maratone corse tra vento, sabbia e strada, stanca dalle due maratone concluse in maniera più che soddisfacente.
Eppure, come sempre, avevo una gran voglia di correre...
Arrivata tramite treno giovedì 2 giugno (rinunciando a malincuore alla 33 km delle colline meldolesi, zone a me molto care) ho cercato fin da subito di adattarmi all'alta quota. Soggiornavo a Villabassa, circa 1200 mt slm.
Clima umido che ci ha graziato: le temperature, infatti, oscillavano dai 10 ai 25 gradi, e mi permettevano di correre a maniche corte.

                                L'importante è...salirci!

La gara, come sempre bellissima, quest'anno è stata parecchio sofferta: sentivo di essere ancora lenta, e mi sono adattata a correrla senza particolari velleità agonistiche. E' venuto fuori un 2h24 e un terzo posto di categoria. Mi sono divertita, ho visto amici di tutta Italia, ho corso anche per Vincenza Sicari, grazie a Katia. Ho avuto un gran tifo, con tanto di gente che veniva direttamente a complimentarsi con me. Bellissimo.
Non ho reso come avrei voluto, dato che, alla prima corsa mattutina, mi avevano detto di "Onorare i colori di Bologna". Un fisico onesto (e lo scrivo volutamente) sa che, per recuperare una Maratona, ha bisogno di almeno un mese, quello che ci sta volendo a me. Il resto è chimica e fantascienza.
Per il resto...le cose proseguono: da domani mi ributterò nel lavoro tennistico, andando avanti fino a settembre. Per quanto riguarda il post settembre, lo vedo molto romano. Ma c'è un concorso in atto, che va superato!

                                La mia società corre ovunque!

Nessun commento:

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta