Anna Giunchi Blog Personale

domenica 22 febbraio 2009

SI MANGIA ANCHE 'STA SETTIMANA...


Forlì, se mi mancavi...

Non son proprio stata diligente con il mio programma proposto...anzi, sarebbe da darmi due botte in testa, ma certe cose sfuggono al raziocinio...Ero tornata nella mia città e tutta l'Emilia Romagna (e oltre) si ritrovava per questa gara, gara della mia città: maratonina della Cava, gran premio della montagna, 21.300 km.
E così eccomi, fresca del lungo, con il solito intento di fare un allenamento un pò allegro, a colpi di fartelk: dovevo fare il fartlek, dopotutto...Forma che era uno spettacolo, pur combattendo con la solita contrattura fantozziana, stavolta al tibiale anteriore, ma la gara aveva un montepremi di tutto rispetto, ed era organizzata veramente bene. Che dire, quando senti che in salita, salita, salita, vai e non senti fatica?Che dire quando hai voglia di correre?
Terza assoluta con 1h29 e non so cosa di secondi, ma mi va bene, anzi, benissimo!!!
Pluripremiata, questa volta: soldi, PROSCIUTTO (acquirente già pronto), scarpe che ho scelto io, delle Asics pronte a dare il cambio alle Saucony che puzzano di Tevere, una pianta ornamentale, LIBRO di RICETTE(volevo cambiarlo con uno di fisiologia ma non c'era)...e gran gioia, indescrivibile, quando ho ritrovato i miei amici forlivesi...
Tornerò a casa più spesso, molto più spesso...

WEEK-END LUNGO...

Tre comuni...

"Arrivo all'Eur, torno alle 12", ore 8:40, mio messaggio ad Alessio, IUSM.
E parto. Una giornata meravigliosa di sole pieno, che mi ha voluto premiare del fatto che il giorno prima, ore 19, autobus 271, salì un controllore molto fashion e gli mostrai il biglietto, TIMBRATO.
Il mio secondo lungo: 3h 15 il programma, partenza foro Italico, IUSM, arrivo Roma sud in progetto, per quanto ci capissi di strade...Mi butto nel lungotevere, quello basso, e mi ritrovo, in lontananza, un gruppetto di rami belli fitti, in una coltre di fango. "Tanto è caldo, sarà asciutto". Mi ci butto. D'un tratto vivo una sensazione di sabbie mobili: affondo totale nella melma residua della piena del Tevere, mi ricordo anche la frase che dissi:"Mamma mia, ma cos'è 'sta roba???"...Fango fino alle ginocchia, ma non demordo...continuo a correre, con le Saucony nuove completamente MELMOSE.
Bellissimo, come lungo: stavo bene, benissimo...Sbuco oltre Porta Portese, entro in una zona trafficata, verso Ostiense, immagino, prendo il vialone della corsia per gli autobus...una fermata metro: Marconi. Mi butto sulla via del mare, poi torno indietro. Guardavo al lungo come all'allenamento più brutto e noioso, e invece mi son sentita una turista che correva afascinata per la città: ottima sensazione, ultimi pezzi in netta progressione, perchè ne avevo.
Mi metto all'entrata laterale dello Iusm a scrostare le scarpe di fango, e una contrattura malefica al tibiale anteriore sinistro ha pensato bene di farsi sentire nella zona aderente al fango (lì, la pelle, respirava meno). Un mio amico mi chiede se domenica vincerò un prosciutto...ci sta una mezza a Forlì, gran premio della montagna, collinare, importante...piena di premi, soldi e anche prosciutti...Ma non so come starò.
Alessio, all'entrata centrale dello IUSM;, era visibilmente preoccupato del mio ritardo, e a momenti mandava una pattuglia in zona EUR...
Salva, e si torna a casa per tre giorni...

mercoledì 18 febbraio 2009

SI ERA PARTITI MALE,INVECE...

I 100 euro che ho vinto domenica mi van tutti nella visita oculistica...

Me lo sto chiedendo: "Cosa sta succedendo?". Forse sarebbe meglio non chiederselo e non fasciarsi troppo la testa, ma sto proprio bene.
Stamattina, per la verità, la giornata era destinata ad evolversi male, complice un vento pazzesco, malgrado una giornata di sole pieno. Mi sembrava di esser in cima al Plan de Corones, quando quel vento gelido a momenti ti porta via, ma poi inizi la discesa della pista Silvester...e passa tutto...
La mattinata romana segnava un grado, come ieri mattina, ma i due giorni scorsi ho scaricato con 1h 10 con 14 allunghi, 5' defaticamento finale, pertanto non ho potuto valutare il mio rendimento cronometrico post mezza colitica.
Oggi, settimana di scarico in previsione del lungo di 3h15, si prevedevano 3x3000, ai Marmi, accompagnati da questo vento a mulinello che mi spingeva da qualunque punto dell'anello. Paura di colite, più che altro...Eppure stavo bene anche stavolta.
Primo 3000:4:01,4:01,4:00;
secondo 3000:3:57,4:01,3:56;
terzo 3000:4:00,4:03,3:57.
Senza spingere, come del resto non ho spinto nel riscaldamento, che questa volta è arrivato a 4'27 senza manco accorgermene...
Me lo sto chiedendo, cosa sta succedendo. E mi vien da pensare che quello stop forzato per il piede mi ha del tutto rigenerato. Non so nulla dei miei valori ematici: a gennaio avevo 13.3 di emoglobina e 39 di ematocrito, nella norma. Mangio meglio: più carne, molti legumi, ho preso la vitamina b12, utile per assimilare meglio il ferro, consigliata dal mitico prof dello IUSM, Parisi...
Non mangio più la classica pasta in bianco a pranzo: troppo poco. Anzi, sto quasi sostituendo la pasta con pane o pizza.
Abito da due mesi nella zona più alta di Roma, come 2 anni fa: e due anni fa stavo al top.
Sto facendo un'ottima preparazione, non faccio più bigiornalieri di corsa, ho rimesso i plantari, ho imparato a sciogliermi le contratture, mi gratifica quello che faccio nella vita, sono serena. Corro e mi diverto.
Ieri, nel mio tragitto a piedi, dallo IUSM a Caracalla, ho anche visto un controllore con l'orecchino, a testimonianza che i look cambiano. ANCHE PER LORO.
Sto bene e basta...perchè chiedere i motivi?

domenica 15 febbraio 2009

Non augurerei MAI a nessuno quello che...

Che spettacolo, questa giornata...

...mi è successo in gara, oggi, a Sora, paesino nel Frosinate, durante la mezza maratona dei Volsci, gara svoltosi in condizioni climatiche ottime, seppur con tanto, troppo vento freddo...Colite dal terzo km, mai successo così presto, un dolore assurdo, che mi sono portata fino all'arrivo...e anche dopo, al rientro a casa. Mi capita, a volte, ma è una cosa che non augurerei a nessuno, neppure al peggior mio nemico, che non ho, perchè sono amica di tutti...

Siamo partiti verso destinazione, io ed Ettore, alle ore 5:50 dal mio tanto caro IUSM, dove ho parcheggiato lo scooter mezzo smontato, non so da chi, però...

Arriviamo sul posto alle 7:15, netto anticipo, anche perchè, causa ritardo consegna pettorali, la partenza verrà posticipata ore 10. Nessun problema, se non che nel paese non c'è proprio nulla da vedere(siam partiti da Alvito, arrivatici con il pullman predisposto dagli organizzatori)e non ci rimaneva altro da fare che ingannare il tempo di attesa... correndo. Una contrattura che mi ha accompagnato per i due giorni scorsi, al muscolo soleo, mi doleva un pochetto, ma durante la gara è stata oscurata da dolori MOLTO peggiori...

Un pò di neve ore 9:40, paese a 430 metri sul livello del mare.

La gara è andata comunque bene, e mi fa ben sperare, questo 1h25.43 durante le settimane di preparazione di maggior carico, nel personale in Maratona, a Roma, attorno alle tre ore. Ho spinto un pò alla fine, ma francamente ero talmente COLICANTE che ancora adesso mi meraviglio di averla finita, questa mezza...

Ma ne è valsa la pena, di fare tutto ciò: 100 euro per il 5 posto fan sempre comodo e anche quello che ho patito, adesso, l'ho pienamente superato. Preferisco questo, che una gara subdola che ti dà segni di stanchezza dopo: ora sto veramente bene, e al mio rientro ho pulito tutta casa a specchio, per poi concedermi un giro in bici, quassù a Monte Mario.

Certo, l'1h 20 di Ettore per me è pura utopia...EH!!!!

P.S.:mi piacerebbe sapere chi erano i ragazzi che mi han fatto i complimenti per il blog, perchè mi ha fatto veramente piacere....E ho rivisto anche Nicola di Latina...ma non so il tempo...

RIENTRO A ROMA. FLAMINIA.
ECCOLO: LO SAPEVO. UN CONTROLLORE.
E' LI', CHE ASPETTA AUTOBUS DA IMPORTUNARE, ANCHE LA DOMENICA DOPO SAN VALENTINO...DATO CHE NON PUO' IMPORTUNARE LA MOGLIE. MA NOI ERAVAMO IN MACCHINA. SALVA, ANCHE STAVOLTA.

giovedì 12 febbraio 2009

BASTASSE LA CORSA...

5 ville!!!!

Innegabile: settimana di carico con risultati eccellenti.
Martedì con 12x500 in salita, solito Monte Mario, solita ripidità: riscontro muscolare incredibile: le ho tenute proprio bene, seppure sia il lavoro più duro in assoluto, nella preparazione...
Eppoi giovedì, oggi...3x6000, in mezzo a preparazione per esami e accidenti vari.
Ma se la vita fosse fatta solo di studio e allenamento...sarebbe perfetta. Non è fatta solo di quello, però, e oggi ho corso, ma con pensieri e distrazioni in testa.
L'orologio, però, dava ottimi riscontri, malgrado un vento assurdo che mi tagliava in due lo stomaco, malgrado tutto.
Primo 6000: 4:07, 4:06,4:12,4:08,4:08,4:05
secondo 6000: 3:58,4:06,4:00,4:09,4:09,4:03
terzo 6000: 4:12,4:08,4:12,4:10,4:09,4:08.
Al terzo 6000 ho cambiato giro e mi son trovata il ritorno con vento pieno contro, senza contare che ad ogni 6000, causa colite, usufruivo dei bagni del CONI.
Non so come ho fatto a tenere questi ritmi, e mi son meravigliata di me, perchè ho rivissuto un pò il ventaccio di Fiumicino, ma stavolta non ero in gara... Adrenalina, ne avevo a mille.
7:40: inizio allenamento, con ottimo riscaldamento che già a 4'30 senza accorgermi che andavo, defaticamento a 5 al km, sempre con il vento che dove giravi ti prendeva. Eppoi, ore 10:30, esame di pedagogia speciale, quasi sicuramente andato bene. Incitamento del dott.Pigozzi, prima del secondo 6000...Farò una gran Maratona, ehssì.
Se la vita fosse fatta solo di allenamenti ed esami...sarebbe perfetta. Ma c'è altro, c'è altro...

domenica 8 febbraio 2009

ANNA GIUNCHI, FLY DOWN...

Che gran gruppo, ragazzi...

Forse ero meglio prima, quando guardavo al posizionamento, e nn al tempo...
Rimane la soddisfazione di un quarto posto assoluto (PROFESSOR ROBERT....DOMATTINA ARRIVA IL PREMIO!!!), okkei, è quello che da fuori si guarda, ma nn son stata soddisfatta del mio tempo, per nulla. Stesso tempo dell'anno scorso: 1h28.28. Male, anche perchè mi son resa conto che 4'15 in maratona, per me, sono ancora lontani ANNI LUCE.
sono partita a 4 al km, senza alcuna scusante di intruppamenti, perchè ero davanti, poi il vento mi ha messo K.O. e nn ho dato il mio meglio, a parte un progressivo finale, 3'33, ma l'ho proprio sparato in piena. Vento contro anche gli ultimi km, fattore che nn ho saputo gestire, gambe poco reattive, causa forse EFFETTO POST ESAME (quel giovedì mi aveva stancato molto: è due giorni che mi sento scarica).
E' andata così: 4'11 di media, e se a marzo riesco a tenere 4'25 in maratona è già un miracolo.
Bello il gruppo.
Claudio (svenuto, cavolo, ma questo tempo ci ha ammazzato un pò tutti), Giorgio (stava meglio di tutti)...eppoi ho rivisto Alessio, Orazio...tutta Roma, insomma. 2800 partenti, in una gara organizzata benissimo.
Per adesso, però, è proprio il caso che voli basso, che non mi illuda e cerchi di non distruggermi troppo...
Ancora due esami in vista, studi sul cervelletto e pensieri vari.
Forza...l'importante è stare bene, e dopo la gara stavo, stavo...

giovedì 5 febbraio 2009

BENONE,A PARTE IL TESTOSTERONE

E' andata, amici fisiologi..

La giornata di oggi è iniziata alle 5:20 del mattino, seppure la sveglia fosse puntata alle ore 6...

Sono scesa presto, al Foro Italico, in quest'orario di pendolari che vanno a prendere il trenino a MonteMario: orari di gente che si incammina sulla tangenziale per raggiungere l'altra parte della città...

Ore 6:40, ancora buio, parte il mio allenamento. Splendido. Alle 7 iniziava a illuminarsi il mio colle preferito per le salite: sempre lui... nn è che la mattina è più brutto, è sempre bellissimo. Me lo son visto per tutti gli interminabili giri dell'anello dello stadio dei Marmi. Evvai, sto bene anche oggi: lo vedo perchè il riscaldamento di 20' andava già a 4'35. 4 allunghi. Il lavoro è 3x5000.

Primo 5000: 4'10,4'02,4'04,4'03,4'01;

secondo 5000:4'05,4'00,4'06,4'02,4'08;

terzo 5000:4'03,3'58,4'08,4'05,4'03.

Ottime previsioni: il ritmo maratona dev'essere 4'15...ok, ok...defaticamento sotto i 5', poi esame ore 9...

Mi prende il Dottor Sgro, endocrinologo.

Adattamenti ventilatori dell'allenamento aerobico. Ok,ci siamo...gli butto là la teoria che i muscoli superiori a riposo non siano perfusi...scettico, ma è una teoria, appunto, fisiologi de La Sapienza...

Testosterone, ruolo...midollare del surrene...Effetti dannosi abuso testosterone: inibizione fattore di rilascio ipofisi anteriore, ci arrivo dopo...Si CODIFICA un 28. Mi va bene.

Non mi han chiesto, però, il sistema nervoso, e i miei bei soliloqui sul fuso neuromuscolare sono andati buttati. Nel cesso.

No, scherzavo, non son stati buttati, perchè inizio a studiare proprio adesso, adesso che ho dato l'esame...

mercoledì 4 febbraio 2009

E' solo un ESAME DI FISIOLOGIA, suvvia...

Il volume di scarica sistolica è dato dal volume telediastolico-volume telesistolico
Bell'allenamento, ieri...15 gradi romani, e tempo che prevedeva perurbazione in atto...che poi è avvenuta...
Riscaldamento, 20', poi 10x500 in salitissima, su a Monte Mario, con defaticamento finale di 13 minuti.
Oltre il 40-60% di intensità dell'esercizio la gettata cardiaca aumenta vorticosamente
L'allenamento odierno prevedeva 1h con 12 allunghi e 5 minuti di recupero finali: ottimo ritmo, passo sciolto: stavo bene, e non ho avvertito più di tanto il carico del giorno prima.

Esistono tre tipi di recettori ormonali: di membrana, citoplasmatici, nucleari

Oh, e che cavolo...lo so io se conosco o no la fisiologia, e ritengo di averla studiata fino all'esaurimento.
-1, domani è ESAME.
Prima, però, dalle 7 alle 8:45, allenamento di 3x5000.

domenica 1 febbraio 2009

CARICA A PALLA

8 febbraio...aspettami, Fiumicino...

Ebbene sì, Marco ci sta proprio prendendo, e questa settimana di scarico mi è servita...a farmi stare ancora meglio!!!
E' arrivato il lungo, il primo lungo: 2h 45, tanto per mettere i km sulle gambe...Mi ricordo con quanta angoscia vivevo l'attesa del primo lungo, e rivivo ancora il momento in cui ne corsi il primo: viale Roma, Forlì, poi Carpena...non finiva mai!!!
Sensazione perfetta, lungo in totale scioltezza, ritmo submassimale, ottima condizione fisica. E in questo allenamento ci ho inserito la 5 ville, facendo però le cose con accuratezza...
A parte l'aver superato due volte la stessa persona (all'arrivo l'ho segnalato e i giudici han reagito in malomodo nei miei confronti: ho fatto la figura della pignola, ma avevo troppe catecolamine in circolo...e comunque l'ho anche detto in faccia alla diretta interessata), la condizione mia fisica era ottimale e ho reagito ai numerosi saliscendi e alle salite spaccagambe veramente bene: mancavano 3 km e dentro di me pensavo che erano troppo pochi (il LUNGO aiuta moltissimo a livello psicologico: 2h 45 di corsa mi han dato un totale intorno a 30km).
Il mio breve rientro in Romagna è stato un pò brusco nella giornata di sabato, causa lo sbalzo di temperatura inaspettato: sabato, causa secrezione ACTH (ormone antidiuretico, attivato sotto CRH dall'asse ipotalamo-ipofisi), avevo un pò le gambe in ritenzione idrica, ma domenica, oggi, ero ben pronta per affrontare la mia mattinata di corsa.
Ho chiuso settima, 56.30, con dei km a 3:40... in discesa, però.
Meglio dell'anno scorso. Di oltre 3 minuti. Direi che ci siamo.

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta