Anna Giunchi Blog Personale

venerdì 24 giugno 2011

Cose...

Interpolazione dei dati...

Pomeriggio di solitudine, in questa aula universitaria...
Alla fine, convinta dal Prof, si è deciso di discutere la tesi ad ottobre: troppo lunga ed articolata e, francamente, questa corsa sfrenata verso la laurea raffazzonata tra La Sapienza e il Foro Italico, mi aveva alquanto "assopito" mentalmente, considerando, poi, che l'ultimo esame l'ho terminato proprio ieri.
Brutto periodo, questo. E gli studi, gli allenamenti, le vicissitudini quotidiane, son state la meno. Periodo di vissuti tristi, di conseguenti pensieri tristi che, per forza di cose, andranno accettati e con i quali si dovrà, sempre per forza di cose, convivere.
Il mondo non accetta che ci si fermi...a lui poco importa come vivono i suoi "abitanti". Il mondo è pieno di gente che "calpesta" gli altri, che passa in testa, che rimane indietro, che si perde nel cammino in maniera improvvisa; che nasce e rinasce ancora...il mondo, deve andare avanti, e basta. Deve sopravvivere, dopotutto. Io, come altri, devo continuare a portare avanti le mie cose...esse hanno le proprie scadenze. Non posso fermarmi. Devo incastrare i miei impegni e concentrarmi mentalmente su quanto ho progettato, sperando vada a buon frutto.
Il fisico, che risente dello stato di debolezza mentale, da una settimana non risponde, e non ho concluso un allenamento. Febbriciattola, tristezza, e quant'altro. Eppure, fuori, c'è sempre il sole...

7 commenti:

Marco Bucci ha detto...

A volte i pensieri hanno il sopravvento sulle nostre capacita' di azione.
Ed in fondo e' giusto cosi', dato che non siamo automi.
Il tempo scartavetra e livella gli angoli dei nostri crucci e brutti ricordi.
Forza....

theyogi ha detto...

lo vedo anch'io ma non credo affatto in un mondo come lo descrivi, prova a cambiare prospettiva....

GIAN CARLO ha detto...

Quoto Yo', solo rallentando(non in gara) possiamo fare la nostra piccola parte per ritardare l'autodistruzione.

Anna LA MARATONETA ha detto...

Grazie, Marco...spendi sempre delle bellissime parole. Se avessi solo un quarto della tua forza...spero di vederti presto.
Yogi...perchè no? E se fossi io a vedere buio? Proverò a cambiare.
Grazie, Giancarlo...fermarsi, riflettere, pensare...ogni tanto ci vuole...

Davide R. ha detto...

Mi raccomando Anna... l'importante è continuare a vedere il sole anche se è dietro alle nuvole... :)
Sò che tutto sembra addensarsi di colpo... ma la Terra è grande... e in essa c'è tanto di bello. Ciaoooooooooo!!!!

... E io corro! ha detto...

Eh sí ... A volte si realizza che in tutta la nostra frenesia del fare, ci siamo persi. Il trascorrere del tempo ci fa male e non bastano i flashback impietosi e romantici a consolarci. Sto provando in questo periodo a trasformare le mie quotidiane frustrazioni in energia motoria, ma mi riesce solo in parte. Credo che sia la felicità a far la differenza ...

Anna LA MARATONETA ha detto...

Davide...quanto hai detto, ma quanto è vero!!! Sono periodi, periodi che poi faranno maturare la consapevolezza che la vita, con le sue sfacettature, è la cosa più bella!
Guido...l'energia motoria fa solo bene, e nel tuo caso ti porta anche a grandi risultati! Ci vedremo per Ivrea, ma anche prima...

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta