Anna Giunchi Blog Personale

lunedì 27 giugno 2011

Ritorno in Abruzzo, finalmente...


A pochi passi dai Centri Federali del tennis...

Volevo renderlo diverso, questo mio ultimo week end in terra laziale...
Troppi, troppi giorni passati sui libri e, per la verità, nessun week end di completo relax, al di fuori da caos e nevroticismi cittadini...
Per la verità ho deciso di partire 2 ore prima, dopo una gentilissima mail di risposta in relazione ad una mia eventuale partecipazione alla gara di 13,8 km di Castel di Sangro, 11esima edizione del Giro del Castello. In una mail ho ritrovato quella cordialità, quella gentilezza abruzzese che, per tutti questi mesi, mi è mancata. Bene...si parte... Dopotutto, ho solamente da prendere un treno e due autobus, per un totale di 5 ore di viaggio, distanza di quasi 300 km. Prima sosta ad Avezzano, e mi vedo circondata dalle suggestive montagne marsicane. E' da più di un anno che non ritorno in quei posti, ma conservo dei ricordi così vivi, da rivivere nella mente tutto, dalle persone, alle strade, a persino il cibo. E poi, tappa a Sulmona, ricca di ricordi a sua volta, per me e la mia famiglia. Poi si passa per l'altopiano delle 5 miglia, stupendo, e si arriva a Castel di Sangro, 800 e passa metri di altezza...e si sente, eccome, la differenza climatica. La calura romana pare lontana...

Sponsor De Cecco...

Sera passata in un bed &breakfast troppo carino: "Arcobaleno", nel quale tornerò molto presto...
La gara, in pieno centro, consisteva in tre giri, e per tre volte si faceva un salitone bello ripido. Devo dire, però, che è la prima gara a circuito che non mi ha annoiato, anzi... Le montagne abruzzesi, attorno a noi, rendevano il panorama qualcosa di unico. Ancora una volta quarta e prima di categoria, dunque niente soldi, ma solo cibarie...devo dire che sono stanca, molto stanca, e che con questa gara chiudo la stagione stradaiola...Riprenderò quando sarò riposata a dovere.

Abbiamo venduto tutto?? A chi chiediamo?

Il tentativo di vendere il cesto stracolmo di cibo a bar, supermercati, trattorie, è stato qualcosa di comico...
Rientro in tarda serata, dopo una bellissima panoramica a Pescasseroli, dentro il parco nazionale d'Abruzzo. Che dire di questa regione? E' una terra unica, un pò selvaggia, accogliente ma anche perfetta per isolarsi un pò, e ritrovare sè stessi. A me, in due giorni, ha dato molto...A presto, Abruzzo, e grazie...

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Brava Anna, bravissima! Complimenti per tutto...soprattutto per la forza di carattere che dimostri. Non mollare!
Chiara

Anna LA MARATONETA ha detto...

Grazie, chiara!!! Sei sempre gentile!! E tu come vai con le tue corse?? E' ora che torni dalle tue parti, ehhh!!!

Anonimo ha detto...

Ma figurati, per così poco!
Sabato è tornato il mio dolore al fianco, tristezza :(
Per ora mi alleno (per non fare troppe brutte figure, ahahah!), ma a settembre mi lancio! Calendario alla mano ci sono varie cose interessanti...l'obiettivo è la Turin Half Marathon...ce la farò??? :D
Chiara

Marco Bucci ha detto...

Brava Anna...
Ma non ho capito se e' temporanea o meno la mancanza da Roma...?!

Anna LA MARATONETA ha detto...

Allora ci vedremo, Chiara, alla mezza!!!
Ma stai facendo terapia? E di controllare la postura?
Ciao, Marcooo!!!
Non dirò mai addio a Roma...devo vedere come mi vanno le cose in università. Da quello dipenderà la mia permanenza, staremo a vedere...In questa città c'ho un bel pezzo di cuore...

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta