Anna Giunchi Blog Personale

domenica 21 ottobre 2012

Few Pills...

Pensieri da Halloween...

Non so cosa voglio, o forse lo so, ma non voglio scervellarmi per come fare per ottenerlo. Allo stesso tempo, però, lo desidero fortemente, ma so che dipenderà tutto dalle forze e dalla volontà che riuscirò a mettere insieme.
So di avere le potenzialità per arrivare dove voglio, e qui ho molta presunzione, ma a volte mi chiedo se valga la pena lottare per qualcosa che si potrà poi perdere; il futuro, alla fine, ha le carte in mano. Certo, se neppure provo a lottare non vivrò neppure il fascino della conquista e potrei vivere con rimorsi immani. 
Vivo momenti di bagliore e serenità, dei quali lampi di gioia non smetterei mai di saziarmi...poi, dopo poco, il buio. Ma forse è grazie al buio che poi mi rendo conto del valore di quello che ho, quando apro gli occhi: sto bene, e anche alla prova da sforzo l'ho visto, che sto bene. La corsa, dunque, mi aiuta a riflettere su quello che ho, ma anche su quello che potrei perdere. 
Perchè comunque, il mio passato, è ancora vivo nei miei ricordi e i suoi fantasmi, a volte, ancora mi tormentano. Voglio prendere questo periodo come una fase utile a permettermi di parlare un pò di più con me stessa. Forse, per anni, non mi sono ascoltata e il mio corpo oggi, sballottato da una parte all'altra con me sorda alle sue richieste, mi ha comunicato di essere alle soglie del K.O...Come se la grossa lezione di 7 anni fa non mi fosse bastata. No, non ci sono, con la testa, in questo momento, proprio no... Strano...parlo di futuro io, che pensavo di non averlo...
In certi momenti mi rendo conto della mia maledetta, umana instabilità, e mi chiedo come mai io sia così permeabile agli stimoli esterni, umani anch'essi. A volte sono batoste, e feriscono (ma fanno diventare più forti), ma, per fortuna, ci sono anche carezze e slanci di meravigliosa comprensione, che mi fanno sprigionare una voglia innata di essere viva, e di divertirmi.
Oggi sapevo che la gara sarebbe andata malissimo, così come sentivo che, a due settimane da una maratona transoceanica, il mio fisico sarebbe stato piuttosto restìo a correre. Ma ho imparato ad apprezzare la cornice intorno alla corsa, e a metterla dentro al quadro più bello. C'è gente che è capace di farmi sorridere e farmi capire che, in fondo, per qualcuno conto qualcosa. 

10 commenti:

CAPITANO SCATENATO ha detto...

Da oggi parola d'ordine RECUPERO ... e poi anche STACCO !
Non sei una robottina sei una persona. Ok tanta attivita' ma troppa fa MALE.
Poi le maratone come tu sai SFASCIANO forse non eri nelle condizioni per darci dentro ancora.
Adesso calmati e RECUPERA con un bello STACCO. Che non vuol dire letto-divano-poltrona, vuole dire come tu sai attivita' alternative, PISCINA, PALESTRA, tu che puoi perche' ci vedi (ECCO !) bene BICICLETTA, da amico in amicizia mi spingerei fino a dirti di RALLENTARE con la politica. Comunque rilassati.
So che ti RIALZERAI alla grande. Sei una bella ragazza e veramente bella tosta.
Quando ti rialzerai sarai una BELVA che, per dirla come dice quel mattacchione dello SCATENATO, spakkera' tutto.
Ma solo se le pile saranno a posto.
UN ABBRACCIO Anna. Forza !!

Anna LA MARATONETA ha detto...

Poche sono le persone che ti raccolgono quando stai cadendo, e che nei momenti di difficoltà hanno sempre una parola di fiducia da donarti. Ognuno è chiuso nei suoi problemi e accollarsi quelli degli altri è sempre piuttosto faticoso. Tu, però, Marco, quando percepisci in me un disagio ci sei sempre. Grazie. Te l'ho detto più di una volta, che mi dai una carica incredibile...

nino ha detto...

se decidi di correre una mezza a due settimane da una maratona non puoi escludere a priori la possibilita cha vada male. però l'hai comunque portata a casa

Marco Bucci ha detto...

Mi raccomando metti in pratica cio' che hai pensato e scritto nel post.
Quando e' il momento di riposarsi, staccare e recuperare sia fisicamente che psicologicamente DEVI FARLO !!
Non far come me, che sordo ai segnali che dava il mio corpo, l'ho sfruttato oltre il dovuto.
Poi ti presenta un conto direttamente piu' salato per quanto piu' deficiente tu sia stato...
Ricorda : in questo sport vince di piu' chi meno si fa male, sottoposti al logoramento come siamo.
Stammi bene ragazzola, e che serenita' e star bene ti accompagnino.
Un bacione

lello ha detto...

un bel post cara Anna , stacca , rilassati e magari corri anche un po con la testa libera da gare e da tempi molto rilassata.........e nel 2013 ritornerai a volare.forza mitica

Anna LA MARATONETA ha detto...

Grazie, Nino...attendo qualche suggerimento inerente il come fai, tu, a stare così in forma...
@Marco...grazie...anch'io spesso ci sono cascata, nell'infortunio...e nn voglio più esserne risucchiata. Avrei voglia di andarmene in montagna a respirare aria sana, e ritornare senza piombo.
@Grazie, Lello...sicuramente nel 2013 volerò...magari in Sudafrica a fare una gara.

CAPITANO SCATENATO ha detto...

ANNA ... Milano ... 7 aprile ... MILANO ... ma l'anno prossimo io surprise ! Bologna ... Bacio.

Marco Bucci ha detto...

Il 1° alla Corsa dei Santi con tutta la LRT...?
Dai essici... ^__^

Associazione LABO Bologna ha detto...

Marcoooooooooooo!!! Parli della Maratona o della Stramilano???????
@Marco, ma tu la fai??????????

CAPITANO SCATENATO ha detto...

7 MILANO :

MILANO CITY MARATHON KM 42.2
Agonistica

MILANO CITY MARATHON RELAY X4
Capitano Scatenato fara' la RELAY (terza o quarta frazione !)

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta