Anna Giunchi Blog Personale

lunedì 29 febbraio 2016

Uisp Bologna e Franco Carati

Uisp Bologna...
Una delle migliori in Italia, un po' per il numero di iscritti e per l'intensità degli eventi, un po' per l'organizzazione e la riuscita delle manifestazioni.
Una settimana fa, durante la prima prova del Cross provinciale corso a Pieve di Cento, il Presidente della Lega Atletica Franco Carati distribuiva a mano gli inviti per la Festa dei Campioni, tenutasi domenica 28 febbraio al Centro Sociale Croce coperta, zona Corticella. Chissà se fosse consapevole del fatto che sarebbe stato il suo ultimo giorno sul campo. Forse lo sapeva, ma ha fatto di tutto per esserci.
Da mesi avevamo l'impressione che stesse poco bene, ma, vedendolo sempre presente, non abbiamo mai colto la realtà della sua situazione di salute.
Il ricordo della sua persona voluto da Fausto Cuoghi, che lo ha identificato come un compagno, andando oltre un senso strettamente politico, mi è piaciuto molto. Ho sempre rispettato le idee politiche di chi portava avanti con amore e passione il proprio credo, indipendentemente dal fatto che non la pensassi ideologicamente alla stessa maniera. Penso che il credere onestamente nelle proprie azioni e il perseguirle con convinzione accumuni qualunque fazione politica: se poi si aggiunge l'umiltà dell'ascolto, cogliendo quanto di giusto ci possa essere nell'opinione dell'altro e di sbagliato nella propria, si può lavorare in arricchimento reciproco. Io amo la politica, più che la mia ideologia in senso stretto. Considero Cuoghi una delle persone più professionali e altruiste che abbia mai conosciuto, oltre che un rappresentante della vera politica, dove si dibatteva per ore, con a cuore un solo tema: Il bene della città.
Tornando alla manifestazione: sicuramente si è sentita la mancanza del Presidente Carati, ma sono convinta che egli sia stato orgoglioso del lavoro svolto da coloro che proseguiranno nella sua attività.
Per rimanere sul tema “Anna”, parlerò della mia gioia nell'aver ricevuto tre medaglie d'oro e una splendida riconoscenza con il mio nome inciso su una targa: le prime per i titoli provinciali su strada, mezza maratona e corsa in salita (più il titolo di trail ricevuto a settembre), l'ultima per il titolo nazionale di corsa in montagna.
Parlerò dell'amarezza nell'aver visto il finestrino della macchina di un amico letteralmente sbrindellato da un blocco di marmo, riflettendo sulla cattiveria e sulla microcriminalità che sta dilagando a tutta rotta...
Parlerò del fatto che amo Bologna: è una città che mi sta volendo bene, e che ieri ha ridato fiducia a me stessa. Basta poco, in fondo, per sentirsi amati, ma è quel poco che conta.


Nessun commento:

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta