Anna Giunchi Blog Personale

giovedì 28 febbraio 2008

CESSO DI FISICO


Proprio ora che, dopo 4 giorni 4 in astinenza totale dalla corsa e da qualunque movimento circolare della gamba (eccezion fatta per la cyclette), cosa vado a fare?A prendere il raffreddore!Di quelli malettosi, che partono dalla gola e arrivano al naso, che ti danno quelle sensazioni di svogliatezza e rimbambimento.
E' da 4 giorni che mi sfracello sullo step e che nuoto, e la palestra mi esce proprio dalle orecchie. Per fortuna che domani riprendo a correre, e non mi mimetizzerò più nella nebbia padana, perchè SARO' A ROMA. Lunedì e mercoledì ho fatto altre due bocce di ferro: il pieno dovrebbe bastarmi per marzo!

mercoledì 27 febbraio 2008

SI VA, SI VA

ematomi!

Non corro da due giorni, tre con questo, e quattro con quello di domani. Sto nuotando, facendo palestra, potenziando la parte superiore: ho ancora male a camminare e spingere sarebbe inutile. Continuo ad ammirare gli ematomi, che sono una meraviglia: a momenti si leggono i nomi delle scarpe di chi mi ha calpestato! Hanno tutti i colori immaginabili: giallo, verde, blu, nero... un paradiso cromatico. Questi giorni forlivesi, sotto una coltre di nebbia, sono rallegrati dal colore delle mie gambe; cerchiamo di trovare un vantaggio in tutto questo: forse, questo riposo forzato, ci voleva...

domenica 24 febbraio 2008

Roma-Ostia 2008: S...TRAVOLTA


Non so in quanti abbiano seguito la gara in Tv, nè so quanto si sia potuto vedere...Fatto sta che sotto quella mischia, alla partenza, nella quale un tot di atleti sono caduti a domino...c'ero io.
Una sensazione stranissima: travolta da una mandria di bufali: vedevo solo delle gambe, un'infinità di gambe che mi passavano sopra, che mi pestavano. Ho anche urlato: "Per favore, fermatevi!", e non so come sia riuscita a rialzarmi. TERRIBILE. Alla partenza, in effetti, vedevo i top runners che fremevano, come se dovessero fare i 100 metri, ma non avrei mai pensato una cosa del genere, proprio no. Ho visto un uomo cadermi davanti: gli sono caduta sopra e poi...GIU'!Tutti su di me!
Non so quanti siano stati effettivamente spinti e quanti invece SE NE SIANO FREGATI di me che ero per terra e han continuato a calpestarmi: per questi ultimi bufali non voglio neppure sprecare energie nel battere commenti sulla tastiera del computer. IGNOBILE. Mi ritrovo, già stasera, piena di lividi nelle gambe e con 4-5 escoriazioni. Ho un male cane alla gamba sinistra e ho un polpaccio che duole solo a toccarlo. Proprio una bella cosa, eccome, questi segni di battaglia.
Non so perchè il mio istinto mi ha portato a correre comunque questa gara: forse è stata come una fuga, immediata, e il tempo di 1.29.30 mi è andato proprio bene, soprattutto perchè mi sono sciolta alla fine e ho concluso con una media di 4' al km circa (i primi km, vuoi per i saliscendi, vuoi perchè un pò scossa, li ho sofferti). Le gambe ancora non avevano smaltito il lavoro di martedì, ma i polmoni, quelli ci sono, e sono pieni d'aria.
Ero un pò fuori, dopo la gara (ho comunque conosciuto un gruppetto da spatacco, con cui ho chiacchierato un pò, e faccio vivissimi complimenti agli organizzatori), e al ritorno in treno ci ripensavo, a quella mandria, e mi son sentita così indifesa e debole che mi veniva da piangere; mi è andata bene, avvisto qualche ematoma (per ora), ma ho rischiato grosso, e ho avuto paura, lo ammetto. Ma lo sport è questo?

venerdì 22 febbraio 2008

LA DISFATTA


L'allenamento di martedì: eppure, a farlo, non sembrava così, come dire...logorante!!!

Martedì, nel viaggio di ritorno a Roma, ho dormito per tutto il tempo e, al rientro a casa, ho maledetto la valigia che sembrava veramente un macigno. La mattina mi son presa comunque un 28 in pedagogia (un altro esame è andato)e, a mezzogiorno, ho corso 1h e 10, con allunghi, senza particolari problemi. Nel pomeriggio mi son fatta massaggiare e la diagnosi è stata ben precisa: non una, ma TRE contratture: gluteo, bicipite femorale, quadricipite (penso fosse il capo lungo). Nel gluteo, dopo l' idrotermìa, fibrolisi (la famosa MATITA conficcata nel muscolo, nella qule la mia fisioterapista è docente eccezionale), ripetuta anche per gli altri due distretti muscolari. Non ho urlato, stavolta, ma il male è sempre quello!

Così, ieri, ho passato la mattinata in centro, Montecitorio, e al pomeriggio ho fatto una corsetta in zona Piramide e Ostiense (ci avviciniamo alla Roma-Ostia, dopotutto), ma mi son veramente dovuta fare forza perchè ieri l'unica cosa che avrei fatto sarebbe stata DORMIRE. Tuttavia, dopo l'allenamento, stavo meglio. Il pomeriggio, a San Giovanni, ha visto l'acquisto delle scarpe che daranno il cambio alle mie storiche GEL SPEEDSTAR: le GEL BANDITO. Già il nome è una figata e, a Roma, con quelle filerò come un treno.

Stamattina di correre avevo più voglia (sarà per il sole...)e mi son fatta 20'+50' di farlek, ma le gambe sono pesanti e gli ematomi delle ex contratture mi fanno male. Domani pomeriggio, in occasione del ritiro del pettorale, mi rivedrò l'EUR e non è cosa da poco. Per domenica ho solo un obiettivo: non farmi male, perchè me lo sento: i muscoli si son tutti sfilacciati. Domenica, dopo la gara, si riparte per Forlì, dove mi aspettano aghi e boccette.


Buon week-end a tutti!

martedì 19 febbraio 2008

10x3000...CE L'HO FATTA!!!

Roma-Ostia 2008: partirò davanti, con LORO!!!
Dopo i 10x3000 si può TUTTO!
Volevo essere sicura di farcela, prima di parlare di questo allenamento, al cui tragico pensiero rimandavo ogni cosa della mia quotidianità. Stamattina, dalle 9 e 20 alle 12 e 21, il seguente programma:
3km di riscaldamento,
10x3000, con recupero di 400 metri circa fra una serie e l'altra.
Il ritmo che ho tenuto si è mantenuto sui 4 e 20 per i primi 6 3000, poi è però sceso intorno ai 4 e 30 (4 e 36 negli ultimi), alla fine. Non ero proprio al massimo, malgrado la giornata di sole, insolita qua in Romagna: ho una contrattura al gluteo fastidiosa e devo dare il cambio alle mitiche gel Speedstar, che ormai hanno dato il collo. Tuttavia il motore c'è, lo sento, e non ho forzato, anche per la paura, poi, di non riuscire a terminare l'allenamento. Il percorso, poi, non nego fosse alquanto monotono (1 anello da un km per i primi 5x3000, poi ho trovato un circuito di 3km, zona aeroporto, che mi ha fatto sentire meno il peso degli ultimi). E' stato questo il primo allenamento dove sono andata in calando nelle ultime serie, ma del resto, era da prevedere. Sono comunque estremamente soddisfatta: avrò fatto circa 35, 36 km, tra riscaldamenti e defaticamenti vari, e il tempo di 3 ore nette è alquanto gratificante. Eppoi, e non è poco, per preparare la maratona non farò neppure una volta il classico LUNGO, ma l'unico lavoro di accumulo km era proprio questo. Ottimo, ottimo.
Fra poco si parte per Roma...

lunedì 18 febbraio 2008

FLEBO TIME

Sono uscita dalla farmacia con 10 boccette, scatole con fiale, aghi vari: avranno pensato, quelli in fila dietro me: "Poverina, chissà cosa deve fare!!"
Ho altre 10 flebo (nove, dato che una l'ho fatta oggi) da fare, con calma, per fissare un pò di riserve (i globuli sono ancora piccoli). Oggi ero un pò spossata ma ho comunque corso la mia oretta tranquilla. Ho un pò di turbe politiche, quello sì...Non è argomento da trattare in un blog sportivo, ma ho avuto come una "delusione di valori". I valori, però, continuo ad averli, a differenza di altri. Ma veniamo allo sport, ovvero a qualcosa che di soddisfazioni ne dà, e tante. Magari a fasi alterne, ma questo week-end direi che le cose han marciato proprio per il verso giusto.
Ho dato un'occhiata ai risultati del cross corto femminile, 4 km, di Monza, tenutosi domenica. Mentre io correvo a Rimini, anzi, per la verità avevo già finito, si svolgevano i campionati italiani societari. E guardate un pò:

1
PD131 G.S. FIAMME ORO PADOVA PD
14.0 3
2
RM052 C.S. ESERCITO RM
15.0 3
3
RI224 G.S. FORESTALE RI
44.0 3
4
TO185 RUNNER TEAM 99 SBV TO
70.0 3
5
TO001 C. U. S. TORINO TO
74.0 3
6
PD140 ASSINDUSTRIA SPORT PADOVA PD
84.0 3
7
TN109 U.S. QUERCIA ROVERETO TN
92.0 3
8
RM044 ACSI PALATINO CAMPIDOGLIO RM
118.0 3




FI
124.0 3

Ottava!!!La mia società si è piazzata all'ottavo posto!!!!!!!!

COMPLIMENTI, SIAMO EL MEIO!!!!

domenica 17 febbraio 2008

2 ASSOLUTA A RIMINI!!!!!


AYEEEEEHHHH!!!!!
Ci tenevo, a questa gara e, malgrado un pò di fiacca e malgrado il programma di allenamento non la prevedesse, l'ho fatta. E' il "Memorial Don Pippo", in ricordo di un parroco veramente speciale, e faceva parte della prima parte del circuito "Mare Verde Monte", che si svolge nelle colline, o meglio, nei monti, visto l'andamento alquanto difficile del percorso, del riminese. Sono partita senza neppure scaldarmi e ho subito sentito un pò di pesantezza nelle gambe, o almeno, mi è sembrato di averla sentita, perchè quando ho buttato l'occhio sull'orologio il tempo era chiaro: 3'57. Ho capito subito che si sarebbe potuta fare un'ottima gara, e così è stata...Ho un pò battagliato con la prima (molto efficace in salita, mentre io rendo meglio in discesa) all'inizio della corsa e abbiamo tenuto una distanza di 43 secondi al termine della gara: 2 assoluta: ma da quanto non arrivavo SECONDA ASSOLUTA!???Poi...tiriamocela un pò, ma se avessi spinto un pò di più...MA VA BENE COSI'!!!
Nel pacco gara c'era piadina e vino rosso (tanto dovevo regalare la piadina al solito prof, e quella riminese è la migliore), ma sul podio mi è stato consegnato un assegno da 100 euro, una cornice, un orologio, una giacca a vento. I km erano 13,7, il tempo è stato di 57 minuti.
E, per di più, il giorno prima, una gradevole sorpresa:

EMOCROMO: 12.5, ematocrito a 38.


STO SALENDO, E SALIRO' ANCORA!!!!

giovedì 14 febbraio 2008

ALTRO ESAME...

I gradoni, questi simpatici amici...ogni tanto vanno fatti!

E trenta!!!Trenta alla pratica di "Attività motoria per l'età evolutiva", ma il merito è dei ragazzi con cui ho fatto la prova, perchè facevano proprio SPATACCARE!!!

Ieri sono ritornata dal mio ortopedico, Mele, che mi ha rinforzato i plantari nella zona dei metatarsi, alquanto consumata (dopotutto...corro solo di avampiede...).

E così, dopo, mi sono allenata: 1h e 15 sul lungotevere, in alto, allunghi e un pò di gradoni nel ponte duca d'Aosta(vedi foto), poi addominali. Oggi in programma l'acquisto delle scarpe nuove che dovranno sostituire le mie mitiche ASICS SPEEDSTAR, purtroppo non più in produzione, e il solito giro in Roma centro. Forse me la sto spassando un pò troppo, o no?!Ma c'è un sole che spacca!!!

mercoledì 13 febbraio 2008

3x5000: ECCOLI!!!!!


SPLENDIDA, SPLENDIDA, QUESTA AUTOBLU!!!!!

Du-Da-Du-Da-Du-Da-Du-Da CHE BELL'AUTO BLU

SIMBOLO, SIMBOLO, E' L'AUTO BLU

Lu-La-Lu-La-Lu-La-Lu-La QUESTA E' UN' AUTO BLU


Era un versetto che cantavo, in scooter (in scooter canto sempre) quando, ore 7 di mattina della domenica, in Roma zona ponte Duca d'Aosta non c'era nessuno, tranne una splendida autoblu. Adesso ho sentito una sirena e mi è tornata in mente questa canzone.

Sarà l'euforia post 5000???Non lo so, ma il lavoro è terminato da un pò e mi sento, come dire, più leggera. Ieri sera, lasagne porcini e speck, gelato, pane con marmellata: direi un ottimo mix di energia. E infatti, stamattina, ho eseguito i miei 5000 con un ottimo ritmo, da 4 e 16 a 4 e 20, con piccole variazioni causate da un vento non indifferente, sul lungotevere. La giornata era stupenda, anzi, è stupenda, ed è stata resa ancor più gradita dalla comunicazione dell'esame di pedagogia mercoledì 20 febbraio;dunque, riesco a tornare a casa nel week-end.

Rientrando in facoltà il prof di nuoto, che ha organizzato un trofeo per universitari in occasione della Maratona di Roma, ha riposto in me la fiducia per fare un'ottima gara (mamma mia, da quanto non faccio una maratona!!): non lo deluderò.


Oggi pomeriggio, in centro a Roma, mi possono fare di tutto, perchè tanto i 3x5000 li ho già fatti e sono in pace con il mondo.

martedì 12 febbraio 2008

ANCORA ESAMI

Grazie a Marcello, per questa foto da San Marino!!!


E' stata una mattinata di attesa, in mezzo a una calca di studenti, ma alla fine lo scritto, seconda parte, di "attività motorie per l'età evolutiva" l'ho dato: 26, e va bene.


Oggi, in effetti, sono un pò stanca, e ieri, causa gara domenicale, ho mangiato come un bue per recuperare quanto perso in termini di consumo energetico. Il 30% di bambini in Italia è sovrappeso: lo scrivo così me lo ricordo, dato che avevo sbagliato la risposta, nel compito di poco fa.


Oggi pomeriggio ancora scarico, mentre domani...3x5000, e dunque, stasera, rifornimento di carboidrati.


La settimana pre-Roma-Ostia si prospetta molto dura, in quanto è previsto un lavoro di 10x3000 che, sommati ai 20' di riscaldamento e al defaticamento finale, fanno una quarantina di km (ho considerato anche i recuperi fra un tremila e l'altro). Però, lo ammetto, questi lavori mi piacciono: mi piace prepararli, mi piace la soddisfazione nell'averli finiti: è bello, preparare una Maratona. Il piede FASCIATO, purtroppo, non va, e oggi fa male parecchio: speriamo di recuperarlo per domani, sennò il lavoro mi vien male.


Il rientro in Emilia-Romagna, causa esami, sarà un pò un problema: esami fino a venerdì e, probabilmente, già lunedì: motivo per cui mi sa tanto che posticiperò ancora il rientro a casa: x D +, è da circa una settimana che il mio cellulare è in black-out: sento i messaggi ma non posso leggerli e, se lo sento squillare e non riesco a rispondere, non so manco chi mi ha chiamato. Insomma, sono irreperibile e ormai sono conosciuta solo in terra romana.


Ieri, mentre correvo in zona Ostiense, c'era una BATTONA che contrattava con il cliente il proprio prezzo: 60 euro. Io chiedo solo 50 euro: in cambio ottimi prosciutti vinti alle gare!!!

lunedì 11 febbraio 2008

A FIUMICINO...VOLAVO!!!


Domenica ho rimesso le ali ai piedi...Ho già dato un minuto al mio best in mezza del 2007 e, se non fosse stato per un intoppo alla partenza, avrei bissato l'1 e 27 del 2006, a Civitavecchia.

Mezza maratona di Fiumicino. Ritrovo ore 7 e 30, con conseguente sveglia alle 6 e 30...Eppure, stanotte, non ho chiuso occhio e, stamattina, mi sono pappata 1h e 30 di nuoto continuo.

E dire che venerdì sera, terminato il fartlek (UN MASSACRO, IL FARLEK), al mio allenatore ho rivolto le seguenti parole: "E' un rischio partire a 4'20?". E invece mi sono ritrovata a passare i 10km in 41 minuti, ad andare a 4' e 10, anche a 4' al km, chiedendomi se il Garmin fosse impazzito. Non sapevo se sarei riuscita a terminare la gara a quel ritmo, ma improvvisamente, a tre km dalla fine, faccio un pò di variazioni, mi metto in testa che SOTTO L'ORA E TRENTA POSSO ANCORA FARLA. Lo vedo, quell'arco, che mi segna 1h e 28 e pochi secondi: RAGAZZI, ANNA GIUNCHI DELL'ACSI PALATINO-CAMPIDOGLIO è settima assoluta, prima di categoria, a premio alle 12 con un prosciutto, venduto stamattina a 50 euro al mio prof. di tennis.

Il rientro a Roma, con passeggio da Villa borghese (udite-udite)a piazza Verbano (oltre Parioli, zona salario), con prosciutto in mano, non è certo stata esente da commenti, ma mi sono goduta il rientro a Roma così. Sono guarita, mi son bombata di ferro ma sono tornata quella di prima, e migliorerò ancora.

Oggi, il nuoto, mi ha alleviato l'affaticamento muscolare: domani ho un esame e giovedì un altro...anche venerdì ho un esame.

Sabato, poi, è stato un pomeriggio tutto particolare. Già venerdì sera, al campo di Caracalla, mi era parso di aver visto dei controllori, che però controllori non erano, ma bensì dei ragazzi tranquillissimi, con giubbotto simil-cotral. Sabato, invece, ne ho visti tantissimi, in qualunque rovina di Roma nascosti: li ho anche visti all'opera, mentre entravano negli autobus importunando i poveri passeggeri nell'esibizione del titolo di viaggio. Li ho visti scrutare un autobus, all'orizzonte, onde poi scriverne i dati, ed entrare così, con irriverenza, dentro la vettura, quando la gente meno se lo aspettava e l'autista stava per chiudere gli sportelli. Sabato, no...IO HO GIRATO TUTTA LA CITTA' A PIEDI, e non hanno avuto modo di beccarmi. Oggi, forse, prenderò l'autobus e, forse, mi beccheranno a timbrargli in faccia. Sarà allora a quel punto che inizierò il mio racconto: "Sa, Controllore... per lei è una fortuna avermi sull'autobus come normale passeggero, solitamente sulla terra non ci sto mai;deve sapere che ieri, a Fiumicino, io VOLAVO..."

venerdì 8 febbraio 2008

ANCORA BIEN

Week-end a Fiumicino. Speranza di tenere un ritmo sulle 4' e 30 al km sulla 21

Mercoledì, dunque, ho fatto un'oretta a villa Ada, in mattinata.
Ma ieri, un grande giovedì: PASSATA A BIOMEKKANIKA: un umiliante 20 allo scritto, con alcune domande suggerite da un amico di Frosinone, al computer al mio fianco (l'esame si svolgeva in aula informatica), e un 22, in conclusione, all'orale. Dal momento che ho deciso che della media voti non me ne frega nulla, e che piuttosto preferisco essere in regola con gli esami, studiando un pò meno ma godendomi la vita, MOLTO BENE.

Pomeriggio: 20 minuti, con medio successivo di 12 km al BISCOTTO PLASMON.

Vento un pò fastidioso, ma ottimo ritmo: 53 i minuti totali (sotto a 4 e 30 al km, con alcuni km a 4 e 20).

Ottimo, che dire...proprio ottimo!

Oggi la mattinata si è aperta con 1h e 30 di nuoto: il delfino va bene ma, ancora meglio, lo stile a crawl, che sto sempre più perfezionando, con un movimento ad ESSE della bracciata.

Il week-end prevede la 21 km di Fiumicino, e un appassionante sabato in centro, non prima però di essermi comprata un altro paio di Asics Speedstar: sembra incredibile, ma la fascite tanto tormentosa era probabilmente dovuta alle mie Mizuno precision; il mio medio, ieri, l'ho fatto con le Speedstar e, come per incanto, la fascite si è attenuata. Si sta rimediando pure quella, e mi sa proprio che le cose, da questo momento, inizino a girare per il verso giusto...

mercoledì 6 febbraio 2008

Il ritorno dei 3000, sul lungotevere.

E così, il rientro a Roma...Ed eccomi qua, in questa meravigliosa cornice primaverile. Appena meso piede in terra Romana, ieri mattina, un allenamento duro ma che mi sentivo di fare, in vista della Maratona: 5x3000. Mattina presto, umidiccio, ma un allenamento MEMORABILE: una media di 4 e 25, 4 e 28, addirittura con l'ultimo 3000 in progressione, con 4 e 21...E tutto questo nel lungotevere, con punti sampietrosi e zone un pò stagnanti. Ma la cosa più bella è che dopo, nel pomeriggio, non ero sballata come negli ultimi mesi, dopo i 3000 o altri lavori duri: ero lucida e in mega forma...Dopo sono andata dalla prof della mia tesi, facendole vedere le mie analisi del sangue (sta facendo una ricerca sull'overtraining e porterà il mio caso a Bruxelles, domani e dopodomani), e si è stupita del fatto che avessi l'ematocrito a 28.9, quando il minimo è 38 (era il periodo della campestre a Ravenna). Lunedì mattina, purtroppo, non son riuscita a rifare le analisi perchè, causa Santo patrono di Forlì, era tutto chiuso (l'ospedale semideserto è qualcosa di angosciante!!!), e ho fatto un giro a vuoto. Il mio lunedì forlivese post gara ha visto l'esecuzione di un ottimo allenamento collinare di 1h e 10. Arrivata in cima, però, c'era ancora la nebbia e le colline di Vecchiazzano me le sono solo ricordate.
Rientro a Roma, dunque, con questi splendidi TREMILA.
Avevo un esame, pedagogia, nel pomeriggio, che poi non si è fatto causa indisponibilità di aule (è una storia lunga che ha creato una mezza insurrezione universitaria verso il povero prof), e ho proseguito la giornata in centro, il magnifico centro, quello romano.
Stamattina ho già fatto l'allenamento: 1h a villa Ada con allunghi e preatletici. Per la verità mi sento un pò pesantina, ma ci sta, visto il lavoro di ieri.
Fa effetto pensare a come stavo due-tre mesi fa, e come sto adesso: sono talmente contenta che ieri, sul tram, ho fatto il BIGLIETTO non solo all'andata, ma anche al ritorno!!
E' inutile, sto maturando...
Domani mi aspetta l'esame di biomeccanica: non ho studiato tanto, lo darò a SPANELLA (a caso)...

domenica 3 febbraio 2008

Roma-OSTIA: GRIGLIA ELITE!!!!!


PRIMA GRIGLIA
Pettorali 1-120 uomini e F1-F40 donne: saranno assegnati di diritto agli atleti uomini classificati tra i primi 100 e alle donne classificate tra le prime 30 nella Roma Ostia 2007 oltre agli atleti/e scelti dal comitato organizzatore a proprio insindacabile giudizio principalmente in base ai tempi dichiararti e accertati.
Roma-Ostia 2008, 24 febbraio.
Anna Giunchi: ACSI Palatino-Campidoglio: Pettorale F22

Now it's time.

5 VILLE BERTINORO: 6 ASSOLUTA!!!!!

Mommmammmmammiaaaa!!!!!!
Oggi ero l'Anna dei bei tempi, l'Anna che erano MESI che cercavo!!!
Non so se avete presente la gara di cui vi sto parlando, ma vi garantisco che non è facile per niente, anzi, è durissima!!!
Si parte con una discesa a razzo che ti spacca le gambe, poi si sale dal 6km in avanti, alternando pezzi di sterrato fangosi a strade asfaltate. Sul finire: megastrappo fino al centro di Bertinoro, con tanto di banda dei bersaglieri. La gara è bellissima!
Premetto, e stavolta è vero, che sono partita troppo dietro, e mi son ritrovata subito una calca di gente che andava a passo d'uomo, e un buon paio di minuti li ho persi lì. Ma poi, alla prima salita, sentivo di stare bene, anzi, benissimo...Pensavo a quella salita di Sestola, verso le piste da sci, da 1000 metri a 1300, molto più dura, causa anche altitudine...l'avevo fatta due giorni fa. Certo, lo vedevo che era una gara molto dura, ma non l'ho assolutamente sentita, al punto che, ora come ora, non ho neppure male a piedi, glutei, polpacci. Oggi ero veramente al Top, come non mi succedeva da tanto, tanto tempo. Ogni tanto lo guardavo, l'orologio: 4' al km, discese a 3' e 42: ma sono ancora io????
E così, l'arrivo: 6 assoluta!!!
Un carnet di roba pronta da vendere ma, soprattutto, una gioia immensa.
Amo correre.

sabato 2 febbraio 2008

OSSIGENAZIONE A SESTOLA!!!

La neve c'è, eh!!! Ma è più su!

Ancora due giorni in montagna...forse i globuli rossi sono solo una scusa, ma fatto sta che me la sto veramente godendo, questa ripresa. D'accordo, il piede mi fa ancora male, e mi sono rassegnata a ritornare dalla fisioterapista; penso dipenda molto dalla contrattura al gluteo che mi infastidisce da alcuni mesi. Che dire di questi due giorni?Che mi son fatta due belle ore di corsa dopo solo un'ora che ero arrivata su, ancora un pò sballata(infatti ho sentito molta fatica a salire a zona pian del Falco, a circa 1300 metri), mentre il sabato ho solo fatto snowboard, sotto una bufera di neve e un vento notevole: bellissimo.Una nota di merito all'albergo dove sono stata, dove ho conosciuto dei proprietari veramente carini e disponibili. Ottime le tigelle, più leggere della nostra piadina, e molto carino il centro del paese. Ho anche visionato il posto dove, a luglio, farò da maestra di tennis per i centri federali: ci sono una marea di campi e penso che avrò come una ventina di bambini alla volta...Il panorama appenninico ha il suo fascino, e mi ha lasciato un gradevole ricordo: ho passato proprio due giorni speciali. Poi, ultimo ma non ultimo, ho rivisto un amico.

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta