Anna Giunchi Blog Personale

lunedì 15 ottobre 2007

AGGIORNAMENTO DA ROMA

E da oggi, lunedì, si tratterà di riuscire a trovare spazio almeno per respirare!!
Ho guardato gli orari delle lezioni e, mercoledì e giovedì in particolare, avrò delle giornate massacranti!!Mamma mia, nuoto alle 8 di mattina, con la piscina del CONI tutta bella freddina, lo raccomando a chi vuole ammalarsi...
Almeno mi servirà per allenarmi a dicembre, dove dovrò sostenere una prova per il Brevetto Sportivo militare tedesco, brevetto che presi nel 2006 e che terrei a riconfermare per il 2007, dove devo fare 200mt di nuoto in meno di 2 minuti. E' un brevetto che prevede differenti prove di atletica (3000, salto in alto, 100 metri, lancio del peso, 400mt di nuoto)e, come alternativa al lancio del peso avrei proprio il 200 di nuoto (purtroppo non lancio molto in là..).Avevo superato tutte le altre prove senza difficoltà, a maggio.
E dunque rieccomi a Roma!
Ieri ho fatto tre ore e dodici di lungo (interminabili giri a Villa Ada, villa Borghese, lungotevere ascoltando dibattiti radiofonici nell'mp3)e, con mia grande sorpresa, oggi sto benissimo e il piede non mi fa neppure tanto male. Sono felice! Da stasera smetto anche con quelle VOMITEVOLI pastiglie di ferro e inizierò a mangiare ancora con gusto!
Inoltre venerdì, giorno in cui ho fatto 30 minuti+ 10 volte i 300 in salita+30 minuti, avevo tirato parecchio a livello di quadricipiti. Sabato ho fatto un bel bigiornaliero a Villa Ada (ha un fondo molto morbido, quel parco)e stamattina, ore 8 e 30, ero già a correre sul lungotevere. Ora, come consuetudine, vado a sentire una seduta, h 15 e 30, alla Camera dei Deputati.
Eh, a Roma sto proprio bene!

4 commenti:

mzungu ha detto...

Ciao Anna!
Scusa se mi permetto di intervenire, ma è da un po' di tempo che bazzico sul tuo blog e, da incallito podista quale sono, ritengo sia utile esprimere un giudizio del tutto personale sui tuoi allenamenti, le gare e la tua condizione. Partirei immediatamente da quest'ultima, perchè da quel che scrivi credo tu sia in una condizione di pericolosa e preoccupante anemia cronica che viene notevolmente aggravata dai carichi di lavoro aerobici cui ti sottopone il tuo allenatore.
Infatti, non so se tu stessa ti sia posta il quesito se sia fisiologico andare avanti con le pastiglie di ferro o le endovene a vita o sia forse meglio analizzare il problema e la causa scatenante l'anemia. Te lo dico perchè nella tua situazione non solo rischi il collasso, ma anche e soprattutto sei a rischio di ipossia con tutto quel che ne consegue. Ti sembra normale che una maratoneta (quale tu ti definisci) non può avere per grazia ricevuta al massimo (quando va bene bene) 12 di emoglobina? Sai quali danni stai facendo al tuo organismo?
E poi un'annotazione tecnica sui tuoi allenamenti: ma il tuo allenatore sa di questa tua anemia cronica? E sa per caso che è demenziale e da suicidio sottoporti a carichi di lavoro tipo 6x4.000 o così via? E poi, non vedi tu stessa che più ne fai più peggiori? Al di là che probabilmente anche una persona sana ne risentirebbe, ma a maggior ragione una come te viene messa in croce se fa questo tipo di lavori per non parlare poi dei lunghi.....
Quindi so che è dura, ma chiediti se, dato che questi lavori sono comunque indispensabili (nelle giuste dosi s'intende......) per la maratona, se sia giusto preparare nel tuo stato una maratona. O se sia invece più corretto farsi vedere da uno specialista per risolvere, se possibile, la situazione.
Poi dici di voler arrivare alle 3 ore. Ma sai cosa vuol dire? Be', cerco di spiegartelo, se posso! Intanto bisogna correre a 4'16" al km per 42 km che con i lavori che fai tu, tipo 3x5.000 a 4'45" o 4'30" quando va bene è impensabile. Già ti dovresti sorprendere di aver fatto 3h12'....
E poi, scusa, ma una che voglia provare ad avvicinare od abbattere il muro delle 3 ore dovrebbe correre delle mezze tranquillamente sotto l'1h24', cosa che per te mi sembra impensabile. Scusa, ma, visto che anch'io sto soffrendo di anemia in questo periodo, mi sembrava giusto metterti in guardia (anche con una certa "durezza") sui pericoli che potresti correre.....
Un saluto...

Anna LA MARATONETA ha detto...

Ciao!!La mia anemia, grazie al cielo, non è cronica, ma lo stato grave delle mie condizioni è stato dato da un non corretto stile di alimentazione. Ora i miei valori si sono regolarizzati, e sto molto controllata. Anche il mio allenatore sa e, grazie al cielo, ho un buon sistema cardiovascolare che mi permette di sopportare certi carichi di lavoro. Che poi i risultati non siano immediati, pazienza, correggerò poi con lui la programmazione.
Credimi, con un corretto stile di vita con l'anemia si riesce a convivere...

mzungu ha detto...

Scusami tanto, ma continuo a restare basito davanti alle tue spiegazioni!
Ma che vuol dire un non corretto regime alimentare? Chi te lo ha detto?
Sei per caso celiaca? Hai fatto controlli per vedere il sangue occulto? Hai fatto una gastroscopia?
E poi per arrivare ad avere avuto 5, o 7 di emoglobina che hai fatto? Non hai mai mangiato uova, carne e/o pesce?
E poi mi dici che si convive bene anche se si è anemici. Mah, forse non abbiamo lo stesso concetto di convivere bene, perchè non mi sembra che facendo delle endovene o prendendo il ferro per bocca per anni si possa dire di vivere bene!
Anzi, fossi in te mi farei controllare i valori epatici. Non si sa mai....

Anna LA MARATONETA ha detto...

lo so che sembra assurdo, ma è proprio così: mangiavo solo carboidrati, pesce ogni tanto: uno squilibro totale. Mi allenavo a calcio e, la sera, prima degli allenamenti, mangiavo dolci e robe simili. Le analisi del sangue le ho fatte di tutti i tipi e vanno bene. il ferro in vena, da quando ho ripreso i valori, non lo faccio più e l'unica cosa che mi ha consigliato il medico è un ciclo di pastiglie di ferro una volta al mese nei periodi freddi. Tutto qui.

Anna Giunchi la maratoneta

Benvenuto sul blog di Anna...la maratoneta